martedì 14 settembre 2010

DALLA LETTERA A MENECEO


.......Infatti non danno una vita felice né i banchetti né le feste continue, né il godersi fanciulli e donne, né il godere di una lauta mensa. La vita felice è invece il frutto del sobrio calcolo che indica le cause di ogni atto di scelta o di rifiuto, e che allontana quelle false opinioni dalle quali nascono grandissimi turbamenti dell'animo.

La prudenza è il massimo bene ed il principio di tutte queste cose. Per questo motivo la prudenza è anche più apprezzabile della filosofia stessa, e da essa vengono tutte le altre virtù. Essa insegna che non ci può essere vita felice se non è anche saggia, bella e giusta; e non v'è vita saggia, bella e giusta che non sia anche felice. Le virtù sono infatti connaturate ad una vita felice, e questa è inseparabile dalle virtù.

E adesso dimmi: pensi davvero che ci sia qualcuno migliore dell'uomo che ha opinioni corrette sugli dèi, che è pienamente padrone di sé riguardo alla morte, che sa sino in fondo che cosa sia il bene per l'uomo secondo la sua natura e sa con chiarezza che i beni che ci sono necessari sono pochi e possiamo ottenerli con facilità, e che i mali non sono senza limiti, ma brevi nel tempo oppure poco intensi?

Un uomo così ha imparato a sorridere di quel potere - il fato - che per alcuni è il sovrano assoluto di tutto: di fatto ciò che accade può essere spiegato non soltanto attraverso la necessità, ma anche attraverso il caso o in quanto frutto di nostre decisioni per le quali possiamo essere criticati o lodati.

Quanto al fato, di cui parlano i fisici, era meglio credere ai miti sugli dèi che essere schiavi di esso: i miti infatti permettevano agli uomini di sperare di placare gli dèi per mezzo degli onori, il fato invece ha un'implacabile necessità. E riguardo alla fortuna non bisogna credere né che sia una divinità, come fanno molti - gli dèi infatti non fanno nulla che sia privo di ordine ed armonia - né che sia un principio causale; non bisogna neppure credere che essa dia agli uomini beni e mali che determinano una vita felice; da essa infatti provengono solo i princìpi di grandi beni e di grandi mali. E' meglio quindi essere saggiamente sfortunati che stoltamente fortunati, perché è preferibile che nelle nostre azioni una saggia decisione non sia premiata dalla fortuna, piuttosto che una decisione poco saggia sia coronata dalla fortuna.

Medita giorno e notte tutte queste cose, e ciò che è connesso con esse, sia in te stesso che con chi ti è simile: così mai, sia da sveglio che nel sonno, avrai l'animo turbato, ma vivrai invece come un dio fra gli uomini. L'uomo infatti che vive tra beni immortali non è in niente simile ad un mortale.

4 commenti:

paopasc ha detto...

Bello il tuo commento da me. Hai colto alcuni aspetti, brava, si vede che hai animo artistico.
Quanto alla felicità, e alla sua cura, sappia Epicuro che per la verità non c'è una ricetta universale, e che i buoni propositi che elenca vanno bene solo per persone affini. Per altri, come si sa, la felicità a volte è anche parlare e agire male contro gli altri.

sara ha detto...

Verissimo quanto dice Paopasc; certe persone trovano la felicità nell'agire contro altre e vedere che le proprie frecce centrano il bersaglio.
Per me felicità e sapere che le persone che amo stanno bene, è svegliarmi tutte le mattine e gioire di esserci ancora.
Paola,un abbraccio.

teoderica ha detto...

Caro Paolo,
grazie per avermi scritto che ho spirito artistico...sai lo vorrei avere ma non sono certa di averlo.
Paolo, io non credo che per qualcuno la felicità sia agire male contro gli altri, magari la soddisfazione ma non l' armonia e la felicità. I buoni propositi di Meneceo non sono altro quelli che oggi ti consiglia lo psicologo o lo psichiatra, sono consigli ma come si sa il grillo parlante viene schiacciato.A furia di pensare "penso" che la "misura" sia il consiglio più "misurato" possibile : est modus in rebus.
Ciao.

teoderica ha detto...

Cara Sara,
sono caduta ma mi sono rialzata e non cesserò di credere che il male fatto agli altri dia solo soddisfazione temporanea...non cesserò di credere che solo l' armonia col creato possa rendermi "a posto".
Anche per me la felicità dipende da come stanno le persone che amo, la loro infelicità è la mia.
Un abbraccio.