giovedì 16 maggio 2019

LO STATO DELL'ARTE AI TEMPI DELLA 58 BIENNALE DI VENEZIA, con Giorgio Grasso Giorgio

LO STATO DELL'ARTE AI TEMPI DELLA 58 BIENNALE DI VENEZIA, con Giorgio Grasso Giorgio a Palazzo Zenobio, Collegio degli Armeni, venezia... sono presente con una mia opera intitolata, "Omaggio a Mondrian"

mercoledì 15 maggio 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate,XI parte


Casalinga di Voghera è un’espressione idiomatica del lessico giornalistico, con cui s’intende indicare un’immaginaria casalinga della piccola provincia, la cui figura rappresenta uno stereotipo della fascia della popolazione italiana piccolo-borghese del secondo dopoguerra, dal basso livello di scolarità e con un’occupazione lavorativa di livello molto semplice o umile.
Che detto in parole semplici è la casalinga che accudisce con amore, cura e dedizione marito e figli, che si occupa e si interessa solo della sua casa, tirandola a lucido, cercando i posti più convenienti in qualità/prezzo per fare la spesa, che sorveglia ed educa amorevole, ma severa, i figli e quando arriva a casa il marito dal lavoro, gli leva le scarpe e gli porta le ciabatte, riservandogli il posto a capotavola e servendogli come pasto cibi freschi e non scatolame o precotti.
Questo tipo di donna non andava bene per la nuova società così l’hanno modernizzata, l’hanno mandata a lavorare fuori, così alla sera marito, moglie e figli si ritrovano stanchi e nervosi: la moglie tira fuori dal freezer due sofficini e li frigge col fuoco alto per fare presto, così sporca la cucina e si inrazza, il marito manda giù i due sofficini con faccia schifata, che non sfugge alla moglie, i figli devono ancora fare il compito, la casa è un casino, i panni sporchi un mucchio alto senza contare il mucchio di quelli da stirare, la moglie sbotta… non ne posso più, il marito risponde… eppure ti aiuto, lavo i piatti e vado a fare la spesa, i figli non vogliono fare i compiti, ormai è tardi e chiedono ai genitori di firmare qualcosa che attesti la loro impossibilità ad essere interrogati ecc.
In molti hanno rivendicato la paternità della calinga di Voghera, tra cui Alberto Arbasino che così la definisce in un’intervista: “Tanti anni fa la casalinga di Voghera concentrava in sé tutto ciò che di arretrato e di piccolo borghese c’era in Italia. Da quel tempo si è aggiornata. Vive di trasgressioni. E’ impietosa. Irriverente. Dissacrante. Ma rimane più piccola borghese che mai, rappresentando la mutazione del gregge cui appartiene”.


immagine: statua della casalinga di Voghera

mercoledì 8 maggio 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate,X parte


Torniamo a Betty e al suo desiderio di vita spericolata.
Anche il grande Vasco nazionale era un po’ naif, veniva da Zocca, mica da Milano, Roma o Torino.
Zoca in dialetto modenese, significa anche ceppo, stirpe, quindi il Vasco/Blasco poteva avere anche radici romagnole.
Scommetto che avete tirato un sospirone e pensato: “Ma che razzate scrive”.
Ebbene: Le origini del paese di Zocca risalgono ufficialmente alla fine del Medioevo e più precisamente al 1465 quando Borso d’Este sviluppò un primo mercato di scambi, che col passare degli anni divenne sempre più importante. La Romagna estense, nota anche come Romagna ferrarese, è la parte della Bassa Romagna che comprende gli attuali comuni di Lugo, Bagnacavallo, Cotignola, Conselice, Massa Lombarda, Sant’Agata sul Santerno e Fusignano. Il suo nome viene dal fatto che questi territori, tra la fine del XIV secolo e la prima metà del XV secolo entrarono a fare parte dei domini della casa d’Este, duchi di Ferrara, Modena e Reggio.
A parte una parentesi veneziana, questi territori rimasero legati ai domini estensi e al Ducato di Ferrara sino al 1598, anno in cui il territorio ritornò allo Stato della Chiesa e gli Este si trasferirono armi e bagagli in quel di Modena.
Siamo andati fuori percorso, dunque Betty non voleva essere la casalinga di Voghera, aveva così pensato tanto a cosa voleva essere e alla fine aveva deciso di voler vivere d’arte e d’amore, di voler fare l’artista.
 Volere che realizzò, ma lo pagò con lacrime, dolore e malattia.
La sua malattia era alla moda, alla modissima, era bipolare e quindi aveva la patente per stare nella lista degli artisti… che fortuna essere ammalati alla moda.
Il suo viaggio fu tale a quello di Siddharta, un lungo giro per tornare all’inizio, per scoprire che   siamo noi stessi che diamo valore alla nostra vita, non gli altri.
Il successo, l’essere alla moda o altro, non c’entravano niente nelle questioni di autostima, di autovalore, non c’entravano niente nel guardarsi allo specchio e piacersi.
Era lei Betty che doveva dare valore alla sua vita tramite i suoi valori, derivanti dalla sua indole di nascita e da ciò che aveva assimilato/imparato dal suo vissuto.
Purtroppo per crescere il dolore era necessario, Betty sperava di essere cresciuta abbastanza, comunque non recriminava, né si lamentava, aveva superato gli ostacoli, Dio le aveva inviato prove che lei era stata in grado di affrontare, per questo era molto grata al Divino.
Forse il dolore l’aveva resa un poco migliore, più dolce, accomodante e comprensiva verso gli altri.
Prima di passare al racconto sulle vacanze romane di Betty non ci rimane altro che chiederci.
Chi era la casalinga di Voghera?
     
immagine: Vasco Rossi

mercoledì 1 maggio 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate,IX parte


Nel 1706 il ducato di Milano fu ereditato dagli austriaci, che quasi un secolo dopo furono cacciati da Napoleone Bonaparte, il cui dominio durò solo una ventina d’anni.
Caduto Napoleone, con la Restaurazione il regno Lombardo-Veneto ritornò sotto Vienna. Quando si diffusero le idee indipendentistiche tese a realizzare l’Unità d’Italia, dal 1830 la regione diventò un centro di cospirazioni segrete tutte motivate dal desiderio di unificazione nazionale.
Stessa sorte per la Romagna che eguagliò, se non addirittura superò il Lombardo-Veneto per i forti sentimenti patriottici.
Carboneria/massoneria, religione laica?
Romagna e Lombardia contro lo strapotere di Roma, sino a quando il 17 marzo 1861 fu proclamata l’Unità del Regno d’Italia.  
Il 20 settembre 1870, ci fu la breccia di Porta Pia, tanto osannata dai novelli italiani, in realtà un sopruso contro lo Stato Pontificio.
La Romagna pagò il suo ardore e impeto repubblicano: non fu una regione unica ma fu appiccicata all’Emilia, la nuova Italia non era una repubblica bensì un regno e i romagnoli erano troppo rivoluzionari chissà cosa avrebbero combinato se non fossero stati tenuti un po’ a freno… ben diversamente andò a Milano che diventò la seconda capitale, quella economica, ma…
Dopo la condivisione di certe idee terroristiche del rosso e del nero degli anni di piombo, fili rossi e neri che partivano da Roma per Milano incontrandosi in Romagna e in particolare nella zona di Bologna, negli anni Ottanta Milano diviene simbolo della crescita economica, capitale morale dell’Italia, e simbolo del rampantismo economico-finanziario della Milano da bere, il socialista milanese Bettino Craxi occupa il governo a Roma.
Arriva lo scandalo di Tangentopoli e l’inchiesta di Mani pulite che si svolgono, ancora, principalmente a Milano ma…
Sebbene lo sporco sia tanto, ancora una volta a rimetterci è la sola Romagna, sarà Raul Gardini, il geniale imprenditore ravennate e romagnolo, il solo gigante che cadrà, gli altri e soprattutto i milanesi continueranno nella loro Milano brianzola/ gallozzola/ imbozzola.
E ora?
Boh!



immagine: simboli massonici

martedì 23 aprile 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate, VIII parte


Nel 774 il re dei Franchi, Carlo Magno, fu chiamato in Italia dal papa che era minacciato dai longobardi. Giunto con il suo esercito a Pavia, capitale dei longobardi, Carlo fece prigioniero il re longobardo Desiderio, dando inizio al dominio dei franchi in Lombardia, in Romagna, tutto il nord Italia sino a Roma.
Carlo divise le terre in feudi e le affidò all’amministrazione di nobili di sua fiducia, chiamati vassalli, che governarono il territorio in suo nome, dando inizio alla struttura politica feudale che caratterizzò l’Alto Medioevo.
Nel Basso Medioevo, a partire dai secoli XI e XII nelle regioni dell’Italia settentrionale e quindi anche in Lombardia e in Romagna iniziò a diffondersi un modello politico nuovo: il comune medievale, simile alle antiche città stato democratiche della Grecia.
Certo nel periodo comunale la Lombardia eccelle più della Romagna e di ogni altra regione.
Famosa la Lega Lombarda, alleanza militare fra varie città della Lombardia (ma non solo) che nel 1176 sconfiggerà le truppe dell’imperatore Federico Barbarossa durante la battaglia di Legnano ma... a partire dal XII secolo il modello comunale entrerà in crisi e verrà presto soppiantato dalle nascenti Signorie, a Milano gli Sforza, la grande casata originaria della Romagna!
la Romagna vanta la fondazione del ducato di Milano. Siamo nel 1382, Muzio stava zappando sotto il sole cocente, la zappa fra le sue mani volteggiava leggera, del resto lui era un marcantonio dotato di una forza eccezionale, riusciva con le sue mani a raddrizzare un ferro di cavallo, ma quel giorno il lavoro dei campi gli parve più pesante e monotono del solito e quando udì il rullio dei tamburi e il suono del piffero che annunciavano le compagnie di ventura in cerca di uomini da arruolare, Muzio gettò la zappa contro un albero, se fosse caduta, sarebbe rimasto lì a zappare, se si fosse conficcata nel tronco si sarebbe arruolato, la zappa si impiantò nel legno e Muzio partì coi soldati in cerca di fortuna.
Questo è ciò che dice la leggenda in realtà Muzio nasce a Cotignola, vicino a Faenza, nella famiglia influente e guerriera degli Attendolo, esponenti di un ricco ceto medio rurale.
Muzio inizialmente fece parte della compagnia di Alberico da Barbiano, che gli diede il soprannome di Sforza. Poi grazie alla sua abilità di condottiero ed a favorevoli matrimoni fece fortuna.
Suo figlio illegittimo Francesco, ne fece ancora di più, tramite le sue doti di condottiero e grazie al matrimonio con Bianca Maria Visconti divenne duca di Milano.
Era la fine di febbraio del 1450, quando Milano si arrese a Francesco, i milanesi si erano schierati con l’aristocrazia e non lo volevano, ma poi furono ben contenti della resa perché col nuovo duca ebbero un periodo florido.


immagine: Muzio Attendolo Sforza

lunedì 15 aprile 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate, VII parte


Rosmunda la regina dei longobardi e la regina d’Italia dal 568 al 572, moglie di Alboino, donna fiera e combattiva, ha ispirato nei secoli opere di letteratura, tragedie, canzoni e film, non tutti sanno che la sua storia finì a Ravenna.
Nel 568 mentre i longobardi invadevano l’Italia, a quei tempi provincia dell’Impero d’Oriente, l’esarca Longino, non pareva preoccupato, da Ravenna mandò a dire che si sarebbe mosso solo al momento opportuno. 
Intanto i Longobardi occuparono mezza Italia dividendola in ducati, erano guidati da Alboino che era più di un re, per il suo popolo era un dio.
In battaglia, Alboino uccise con le sue mani Cunimondo il re dei gepidi (tribù germanica) e con il suo cranio si fece fare una coppa per bere.
I gepidi furono fatti schiavi ma Rosmunda figlia di Cunimondo divenne regina.
Alboino l’aveva amata per anni, l’aveva chiesta in sposa ricevendone un rifiuto, allora la rapì, ma Alboino la dovette restituire al padre che chiese l’intervento addirittura dell’imperatore Giustiniano.
Ma ora ucciso Cunimondo ed annientati i gepidi, Alboino finalmente la sposava e la faceva regina dei longobardi.
Non credo che Rosmunda ne fosse felice in più successe il fattaccio.
Durante un banchetto che si stava svolgendo a Verona, Alboino ubriaco d’un tratto ordinò che gli fosse portata la tazza ricavata dal cranio di Cunimondo, e la offrì a Rosmunda: “Bevi, Rosmunda, nel cranio di tuo padre!”.
Forse è un po’ romanzata la storia, ma Rosmunda meditò vendetta.
Preparò un piano rivolgendosi a Elmichi, armigero del re e suo fratello di latte.
Probabilmente Elmichi era l’amante di Rosmunda, la quale gli propose di uccidere Alboino e regnare al suo posto.
Mancava solo il sicario, lo individuarono in Peredeo, un ufficiale di corte, uomo di gran coraggio, di forza smisurata ma Peredeo si rifiutò di farlo.
Rosmunda ed Elmichi avevano ormai una scelta obbligata: Peredeo sapeva e avrebbe potuto tradirli.
Fu la regina che si incaricò di convincere Peredeo ad accettare.
Rosmunda, si sostituì nel letto all’ancella che conviveva con Peredeo. In questo modo Peredeo, credendo che la donna nel suo letto fosse la sua amata, fece l’amore con la regina. Quando si accorse che la donna con cui aveva fatto sesso era Rosmunda, quest’ultima gli disse: “E certo, Peredeo, quello che hai compiuto è atto sì grave che, ormai, o tu devi uccidere Alboino, o lui deve uccidere te con la sua spada”.
Così Peredeo divenne regicida.
Forse fu la stessa Rosmunda a dare l’annuncio della morte ai duchi giunti affranti per omaggiare il corpo del loro re.
Nei giorni seguenti, si sarebbe decisa l’elezione del nuovo sovrano che doveva avere l’approvazione dei duchi.
Rosmunda sposò Elmichi per facilitarne la designazione.
Elmichi non piacque, pensate a quanto doveva essere inetto, nei popoli germanici la trasmissione del potere era per via femminile e la parola di Rosmunda era un lasciapassare per il trono.
Si levarono delle voci che indicavano Elmichi, come il sicario di Alboino, assieme alla regina, non sbagliavano.
La congiura fallì.
Per salvare la vita, non restava loro che fuggire verso Ravenna dove l’esarca Longino li avrebbe aiutati.
I duchi persa la guida di Alboino si fronteggiavano fra di loro, incapaci di darsi un nuovo capo.
Rosmunda era ancora formalmente regina, dato che il trono era rimasto vuoto, Longino la chiese in sposa.
Fulminato d’amore per Rosmunda?
Molto probabilmente Longino mirava a farsi riconoscere legittimo capo dei barbari per poi integrarli nell’impero.
Rosmunda accettò, ma che fare con quell’incapace di Elmichi?
Rosmunda non ricorse ad altri, fece da sé, usando del veleno, che propinò al marito.
Ma il veleno era ad azione lenta, Elmichi seppe d’essere perduto e obbligò la moglie a bere ciò che era rimasto nella coppa.     
Fine di Rosmunda.
Chissà forse fu Longino, i bizantini erano famosi per i loro intrallazzi ingarbugliati, che consigliò il veleno a Rosmunda, liberandosi così degli ospiti divenuti sgraditi, senza sporcarsi le mani.
I longobardi, occuparono Ravenna per cinque anni dal 578 al 582, mentre rimasero a Milano  dal 568 sino al 774, anno della caduta del regno a opera dei franchi di Carlo Magno.


immagine: Rosmunda di Teoderica

lunedì 8 aprile 2019

VACANZE ROMANE romanzo a puntate, VI parte


Una brava persona il milanese, pochi grilli in testa, gran lavoratore, anche se poi il milanese puro, chissà quale era, visto le ondate migratorie dal Sud Italia negli Anni Sessanta: va a finire che i gran lavoratori erano quelli del Sud, sfatando il mito del sudista pacioccone e un po’ fannullone, in molti casi i modi di dire nascondono verità opposte.
Betty conosceva un paio di famiglie di Napoli, che abitavano da molti anni a Ravenna, che lavoravano dalla mattina molto presto sino a sera inoltrata e avevano abituato i loro figli a fare altrettanto.
Gente dinamica, che aveva attività fiorenti e se lo meritavano, essendo grandi lavoratori, ma mantenendo quel senso della famiglia che al Nord, purtroppo, era scomparso.
Le affinità elettive fra Lombardia e Romagna: inizialmente radici celtiche/etrusche; poi l’arrivo dei galli che sono sempre di stirpe celtico/barbaro perciò fracassoni, battaglieri ma in fondo dal cuore e l’animo buono.
Successivamente il dominio romano che unifica il territorio come Gallia Cisalpina, cioè “Gallia al di qua delle Alpi”.
Nel periodo finale dell’impero romano Milano diventa capitale della parte occidentale, con Massimiano imperatore, negli anni che vanno dal 286 al 402. Successivamente Onorio ritiene più sicuro spostare la capitale a Ravenna dove il 4 settembre 476 venne deposto l’ultimo imperatore, Romolo Augusto, per mano di Odoacre, re degli Eruli.  
Il regno di Odoacre ebbe vita breve: nel 493 fu spodestato dal re degli Ostrogoti, Teoderico (476-553) che conquista gran parte dell’Italia, pone la sua capitale a Ravenna, dove si trova ancora il suo Mausoleo testimonianza unica di un Pantheon barbaro... ma erano barbari o no?
Teoderico era nato al confine tra Austria e Ungheria, figlio del re degli ostrogoti era cresciuto proprio alla corte di Bisanzio, dove era stato inviato come ostaggio per garantire la pace tra il regno dei goti e Impero d’Oriente... era antesignano degli austroungarici.
Regno italico soppiantato dai bizantini, che causarono, in cerca di una rinnovata grandezza e unità imperiale, la guerra gotica, che durò 30 anni e flagellò tutta l’Italia.
Qui si dividono le sorti della Lombardia e della Romagna.
L’egemonia bizantina durò in Lombardia solo 16 anni: arrivarono i longobardi, altro ceppo barbaro/celtico, provenienti dal nord-est Europa, ancora oggi la regione porta il loro nome, longobardia, mentre la Romagna rimase terra dei bizantini... il suo nome significa terra dei romani.
Romagna e Lombardia apparentemente divise, ma le storie si intrecciano ugualmente.


immagine: Mausoleo di Teoderico