sabato 8 febbraio 2014

LA MAGIA DEL SATOR (RISOLUZIONE)


Il quadrato magico del Sator è la più famosa struttura palindroma che da secoli ha attratto gli studiosi a causa del suo innegabile fascino. Si tratta, sostanzialmente, di una frase in lingua latina (SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS) che può essere letta in entrambi i sensi. Le letture che ne sono state fatte sono innumerevoli, il quadrato è uno scrigno di fascino e fantasia, come un sacchetto magico da cui puoi estrarre infiniti pensieri, il suo significato è forse in sè stesso, è come un DNA del nostro alfabeto. Lettere e numeri hanno combinazioni che l'uomo non ha ancora risolto del tutto.
Ed ora vi propongo la mia interpretazione personale del Sator.
Notate la croce centrale evidenziata in rosso,è una croce che ha i bracci terminanti con la lettera T, che è già di per sè stessa simbolo della croce.Il significato più comune attribuito alla Croce è la raffigurazione del sole, ma anche della vita dell'uomo e del creato. Per quanto concerne la lettera T , è l'antica lettera ebraica Tau la quale ritroviamo in un passo della Genesi:
«Il Signore disse: Passa in mezzo alla città, in mezzo a Gerusalemme e segna un Tau sulla fronte degli uomini che sospirano e piangono...»
Il "sigillo" del Tau sulla fronte quale popolo scelto da Dio fino alla fine della vita.
Negli angoli della croce (in rosso) , troviamo in ognuno quattro lettere ( in nero) , se teniamo da parte una lettera A( simbolo di inizio ) e una lettera O ( simbolo di fine) otteniamo due scritte
identiche
A PRO ARS O

Ars è un' espressione indicante attività intellettuali prestate da uomini liberi.
Quindi un' interpretazione del Sator potrebbe essere:

Dall' Inizio alla Fine con arte ed intelligenza tiene e regola tutto il Creato.

6 commenti:

cosimo de bari ha detto...

Ma mia interpretazione della T, dice, nelle due metà orrizontali, che l'uonìmo masce solamente dall'unione di una donna ed un uomo. Mentre nella parte verticale della T, che l'uomo da quel momento è già solo con la vita avuto in regalo e che deve adoperarsi al meglio prima di arrivare in fondo alla parte verticale, che sta ad indicare la perdita della vita fisica.
Buona domenica, Paola.

paola tassinari ha detto...

Non ho capito quello che vuoi dire, se vuoi puoi spiegarmelo meglio?
Grazie un bacetto

cosimo de bari ha detto...

il mio meglio dove lo trovo?
:-))
forse nel bacetto ricambiato....

paola tassinari ha detto...

:-)

gmxro ha detto...

Davvero molto interessante, anche la tua interpretazione. Complimenti per il tuo blog :)
humanihil.wordpress.com

paola tassinari ha detto...

Grazie "gm" grazie davvero.
Ciao