venerdì 4 aprile 2014

ROSETTA BERARDI



Mi piace parlarvi di un’artista di Ravenna,in genere non scrivo di artisti contemporanei perché non mi piace intromettermi in un qualcosa in cui sarà la storia a decidere chi sarà un vero artista e chi invece un bravo  artigiano, ma Rosetta è un eccezione, in quanto prima ho ammirato e invidiato i suoi lavori, poi ho conosciuto lei. Era più o meno il 2000, io mi ero avvicinata da poco al mondo artistico e non mi perdevo mai una mostra d’arte, quando vidi le tele “Intarsi” di Rosetta le paragonai all’intreccio di nidi d’uccello, ai fili che i volatili tengono col becco, librandosi nel cielo. Chissà invece cosa voleva dire l’artista, però la  sua natura l’avevo riconosciuta, Rosetta il mondo naturale lo vive dentro e fuori di lei, è un po’ come la sua gatta: una regina poi vi spiegherò il perché. Rosetta Berardi  vive e lavora a Ravenna, è di origini siciliane, terra di antichi riti e miti. Dopo l’Accademia di Belle Arti di Ravenna si laurea  al DAMS di Bologna in Storia dell’Arte Contemporanea. Contaminazione può dirsi oggi l’arte, tutto è arte, ciò che vale è la visione nuova, l’angolo e il punto di vista originale questo è ciò che conta oggi, in una società massificata dominata da mode standard, l’occhio d’autore cerca e ricerca un punto di vista a 360° gradi. Rosetta è dedita alla pittura, all’istallazione, alla fotografia il cui filo rosso, inteso  o sottointeso è sempre la natura. Rosetta nelle sue opere è elegante ed armonica, anche coi temi più crudi. Non molto tempo fa alla Galleria Ninapì di Ravenna, si è svolta una sua  mostra dal titolo Strappi, già il titolo fa pensare ad una lacerazione , le opere nere, racemi o braccia levate in alto in cerca d’aiuto, erano là il fila, catalogate come salme all’obitorio, erano i pini della nostra amata pineta di Ravenna che un incendio aveva devastato. Rosetta, e qui sta l’idea geniale, oltre alla bellezza delle opere propriamente artistica, eterna lo scempio dell’uomo, eterna questi pini, ma allo stesso tempo fra questo nero, questo dolore, c’è la possibilità  della rinascita. Ora posso dirvi perché Rosetta è una gatta/regina, Rosetta è minuta, delicata, la guardi e pensi a come possa avere una tale vitalità e inventiva, che io posso paragonare solo ad un uomo, mi scusino le donne per questo che ho scritto non sono antifemminista, ma in Rosetta sembra si siano annidati sia i pregi femminili che quelli maschili, la sua esuberanza si può paragonare  alla fioritura. Le sue opere sono “potenti” ma mai totalmente drammatiche. Negli ultimi quindici anni Rosetta si è dedicata alla fotografia, il risultato è giocoso, colorato, amoroso, le foto sono intrise, imbevute, fitte e dense, se fosse per me le ruberei  e le terrei nascoste, le guarderei  solo ogni tanto per paura di sciuparle. 

   "Intarsi"  dipinto  1999

 "Confini violati" foto 2014



   "Noi eravamo pini" dipinto 2014



articolo già pubblicato sul quotidiano "La voce di Romagna" il giorno 31/03/2014

6 commenti:

cosimo de bari ha detto...

Si fa sempre bene a parlare di un artista nel cammin di sua vita, perché, solo in quel camminare, si possono avere risposte alle domande sulla sua vena artistica.
Complimenti a Rosetta Berardi ed alla giornalista Paola Tassinari, che non sbaglia mai un articolo sulla Voce di Romagna nell'edizione del lunedì, la più difficile, almeno secondo me, perché infarcita di tanto sport.
Grande Paola :-))

paola tassinari ha detto...

Sempre esagerato :)
Ciao Cosimo

CAPLAZZO ha detto...

Un articolo fatto con dovizia letterale da un'artista vera che descrive nei vari ruoli un'altra artista che ha messo radici nella nostra romagna.Brava Paola

paola tassinari ha detto...

Grazie Caplazzo,i complimenti mi imbarazzano ma pi piacciono tanto.

Rosetta Berardi ha detto...

Grazie Paola! Sono davvero lusingata. Il ritratto che hai tracciato di me è davvero molto affettuoso. Spero di meritarmelo. M'impegnerò a non deluderti!!!
Un caro e colorato saluto.

paola tassinari ha detto...

Prego Rosetta per me è stato un vero piacere.
ciao