martedì 10 agosto 2010

PER SAN LORENZO SETTE BAGNI AL MARE


Una volta il culmine della bella stagione arrivava il 10 agosto, una giornata magica e non solo per le stelle cadenti.

A san Lorenzo si andava via da casa. Si partiva al mattino per andare al mare.

Da casa si portava il cocomero che veniva subito messo in una buca e ricoperto di sabbia umida.

Al mare ci si andava tutti, anche le nonne.

Tutti poi finivano a mollo, in quanto quel giorno si credeva che l’ acqua avesse la capacità di mantenere la salute, così il bagno lo facevano anche i cavalli, i buoi, gli asini e i cani.

Si dovevano fare sette bagni , anche se il bagno di San Lorenzo valeva già di sé per sette bagni.

Al tramonto si faceva rientro a casa.

Un tempo questa unica giornata di mare era l’ unica vacanza dell’ anno, e molti non riuscivano ad effettuare neanche questa.


6 commenti:

paopasc ha detto...

Che belle le usanze di una volta!

teoderica ha detto...

Caro Paolo,
a volte mi sorge un dubbio...mi stanno affascinando le tradizioni perchè sto invecchiando?
:)))))

sara ha detto...

Ti auguro una notte festosa e una pioggia di stelle cadenti e desideri che si avvereranno!

Gaetano Barbella ha detto...

Questo è un altro "buco di Rocki", ma nella terra mentale, che è difficile da sopportare. Non c'era due senza tre?
Che dire?
Bonjour Tristesse, amica della mia malinconia... e tua.
Ma passerà.
Ciao, Paola,
Gaetano

teoderica ha detto...

Cara Sara,
ierisera c' era un bel cielo stellato, qualche stella era grossa come un melone, ma neanche una stella cadente, ma io il desiderio l' ho richiesto lo stesso.
Baci stellati.

teoderica ha detto...

Caro Gaetano,
passerà la malinconia, lo so che passerà, io aspetto...un evento.
Dal caos può nascere una stella,io ci credo e la aspetto.
Ciao Gaetano e ricordati di non essere troppo umile.
Un abbraccio.