sabato 15 giugno 2013

L'ORIGINE DEL MONDO


"Il primo proprietario del quadro L'Origine del mondo di Gustave Courbet ( 1819/1877), con ogni probabilità il committente stesso della tela, fu il diplomatico turco-egiziano Khalil-Bey (1831-1879). Personalità eccentrica della Parigi bene degli anni sessanta del XIX secolo, mette insieme, prima di essere rovinato dai debiti di gioco, un'effimera ma sorprendente collezione, dedicata alla celebrazione del corpo femminile. In seguito, si hanno poche notizie certe sulla sorte e sui proprietari del quadro. Fino al suo ingresso nelle collezioni del museo d'Orsay nel 1995, L'Origine del mondo, che faceva allora parte della raccolta dello psicanalista Jacques Lacan, rappresenta il paradosso di un'opera famosa ma poco vista.

Courbet non ha mai smesso di rivisitare il nudo femminile, talvolta con una vena piuttosto libertina. Tuttavia, in questo quadro, l'artista si abbandona ad un'audacia e a un realismo che conferiscono all'opera un grande potere seduttivo. La descrizione quasi anatomica di un organo genitale femminile non è attenuata da alcun artificio storico o letterario. Grazie al grande virtuosismo di Courbet, alla raffinatezza della gamma delle tonalità ambrate, L'Origine del mondo sfugge allo statuto d'immagine pornografica. La schiettezza e l'audacia di questo nuovo linguaggio non escludono un legame con la tradizione: difatti, la pennellata ampia e sensuale e il ricorso al colore ricordano la pittura veneziana. Del resto, lo stesso Courbet faceva appello a Tiziano e al Veronese, al Correggio e alla tradizione di una pittura carnale e lirica.
Questo quadro, finalmente esposto senza veli posti a coprire le parti intime, torna ad occupare il posto che gli spetta nella storia della pittura moderna. Tuttavia, esso continua a porre, in modo inquietante, il problema dello sguardo".Ho voluto presentare questo capolavoro di Courbet esponente del movimento realista francese del XIX secolo, perchè scandalizza ancora oggi, tanti poi non sanno neanche che esista, gli antichi proprietari lo tenevano nascosto, io trovo rivoluzionario l'organo genitale femminile, non più nascosto, ma elevato a "sacro" , l' Origine del mondo, sacro o immondo, tutto dipende dal tuo sguardo.

9 commenti:

cosimo de bari ha detto...

Opera unica che, ancora oggi, spacca il mondo in due, nonostante i livelli di moralità sessuale siano stati, da tempo, circumnavigati e sorpassati dal reale quotidiano.
Ormai l'unico interrogativo che deve accompagnare questa opera, deve riguardare solo chi sia stata la modella che con tanta realtà e beltà, vera e sognate, indica quale sia da sempre e fino all'infinito il centro del mondo. Laddove per centro del mondo si intende, non solo il nido dove risiede l'intero meccanismo per generare la vita degli uomini, pure quello che da vita e diffusione. nell’intero corpo umano, di ogni tipo di piacere orgasmico.

Buon fine settimana, cara Paola:-)

Ettore Bonato ha detto...

Paola, se ti devo dire la verità l'opera mi fa schifo. E mi fa schifo anche solo l'idea che noi usciamo da lì. A parte che a me il pelo non mi garba, ma lo trovo un dipinto squallido. Allora è molto meglio un film porno. Notte. Perdona la mia genuinità. Ma davanti a certe stranezze.

paola tassinari ha detto...

Caro Cosimo, mi interessava mostrare il quadro perchè l'arte libera la mente, prima di tutto è un'opera d'arte, lo dimostra il taglio, la composizione, a me da la sensazione della caverna,del bosco, di un luogo e un non luogo, di mistero.
Poi in tempi odierni genera ancora schifo e questo da da pensare, pensare che è del 1850 circa e che Lacan lo faceva vedere solo ai selezionati, solo a chi capiva la bellezza del'opera.
Ciao.

paola tassinari ha detto...

Caro Ettore,
ognuno ha i suoi gusti, niente da dire.
Anni fa quando ho visto il quadro mi ha colpito non il soggetto in sè, ma il rispetto e l'amore che l'artista vi ha comunicato.
Nel porno c'è il contrario dell'amore, c'è il disprezzo del corpo.
Ciao

Ettore Bonato ha detto...

No, nel porno c'è il disprezzo dell'anima, non del corpo. Vorrei tanto (the king of provocation, the fascism regime, they made you a moron, a potential hich bomb) fare l'attore porno. Ma ormai il tempo è passato e rimane un grande rimpianto, anzi, un rimpiattino. baci

paola tassinari ha detto...

Ettore, sei sempre in tempo, c'è un movimento no/profit, a favore della natura che realizza film porno, si cercano volontari, i profitti saranno devoluti alla salvaguardia del pianeta. La motivazione: in tv si vedono accoppiamenti di animali, visti come elemento naturale, mentre è visto come porno l'accoppiamento umano :) partecipi?

Ettore Bonato ha detto...

Come no? Solo che devo vincere una compagna che da anni mi segue e mi limita: la timidezza. Cmq in privato, giusto per sapere, senza impegno, se mi dai questo indirizzo. Solo che "Lei" è sempre in agguato. ;-) sorriso per te!!!

Ettore Bonato ha detto...

Fuck the Forrest Gump ahahaha.
Povera Sara Tommasi, la dea del momento, o povera furba. Ecco perchè la paragono a Misseri. Due personaggi squallidi, loro malgrado.

paola tassinari ha detto...

:) sorriso per te Ettore