domenica 24 novembre 2013

UN POMERIGGIO VERDE ACIDO D'INVIDIA ( seconda parte)



Vi ho spiegato i motivi dell'invidia, semplicemente perché la giovane scrittrice ha avuto quello che volevo  anch'io e non ho ottenuto, ma c'è anche un'altra cosa che a che fare con l'invidia per il ricco.
La presentazione si è svolta in un luogo da ricconi, io ho un  bel da fare a dirmi che i ricchi hanno solo dei soldi in più, io sono parca, assolutamente contro lo spreco e quindi non mi serve la ricchezza, ma i ricchi hanno l'allure, significa luminosità in  francese, rappresenta ciò che si ha l'impressione di vedere, e quindi se io li vedo così è un problema mio e non loro. Molto probabilmente deriva dal sussiego che la mia famiglia doveva al  "padrone" ovvero il proprietario del fondo che coltivava mio padre, lavorava mio padre ma il lusso era tutto per il  "padrone".
Una volta regalai un sacchetto delle ciliegie del "padrone" ad una mia amica che me le aveva chieste, lo feci già sapendo di sbagliare, ma lo feci lo stesso. Passò il "padrone" in perlustazione,vide il sacchetto di ciliegie, non mi disse nulla, ma mi guardò  con certi occhi, la sera ebbi un sacco di rimproveri da mio padre, non mi picchiò, avrei preferito le botte all'indulgenza.
Se chiudo gli occhi  penso a me bambina indecisa fra accontentare l'amica o rubare la roba del "padrone", forse è per questo che non disprezzo fino in fondo i ladri.
Posso dire che odio i ricchi, non è politicamente corretto ma lo dico lo stesso, il mio in fondo è un odio verso me stessa che non riesce a dare un taglio di forbici ai torti ricevuti. 
E per finire vi descrivo la location della presentazione: Il Circolo Ravennate e dei Forestieri un luogo lussuoso, sale, salette e saloni, divani, statue e piante, pare di entrare in uno di quei circoli esclusivi inglesi, dove le donne non sono ben accette, io  ero arrivata sola e mi sentivo una balena fuori dalle sue acque, le altre persone sapevano come muoversi, io mi perdevo  negli intricati corridoi. Il Circolo mantiene viva la più alta tradizione associativa cittadina ha sede   nel quattrocentesco Palazzo Rasponi, collocato nella zona dantesca.   
 Il Circolo Ravennate, è sorto nel 1860  e nel 1958  aggiunse all'antica denominazione di Circolo Ravennate, il termine "e dei Forestieri",  per estendere il numero degli associati anche ai forestieri, per dimostrare il carattere ospitale dei Cittadini di Ravenna. Così ospiti stranieri avrebbero potuto trovare un ambiente accogliente, elegante e riservato, dove ricevere l'assistenza di un interprete e la possibilità di leggere giornali stranieri.  
E’ detto anche Circolo dei Signori e questo la dice lunga, anche se le quote associative non sono molto alte, se nel 1958 la quota annuale era di 60.000 lire, oggi è di appena 800,00 euro.
Ha un albo degli ospiti illustri che va da Arturo Toscanini, alla Callas, a Pound, Gassman, Proietti, Muti e tanti altri.
Per fortuna che c’è Mozart!

E' Zircul di Sgnur
"E' Zircul di Sgnur", cóma che il ciamêva.
Mó indóv'ë-i pió i "Sgnur - Sgnur" ?
I "Vir - Sgnur" j'è scumpêrs da un pëz !
Incù u j'è i "Sgnur d'bajòc",
sèmpar impurtânt, mó j'è un etar quël.
E' mónd l'è cambiê, parchè l'avèva da cambiê,
e Ravèna l'è la mej Zitê de mónd !

Il Circolo dei Signori
"Il Circolo dei Signori", come lo chiamavano.
Ma dove sono più i "Signori - Signori" ?
I "Veri - Signori" sono scomparsi da un pezzo !
Oggi ci sono i "Signori - ricchi",
sempre importanti, ma sono un'altra cosa.
Il mondo è cambiato, perchè doveva cambiare,
e Ravenna è la migliore Città del mondo !

 immagine di Teoderica titolo: Mozart

5 commenti:

cosimo de bari ha detto...

Tratto da A LIVELLA di Totò, parla per l'appunto di un "Forestiero", vicino alla Romagna.

....."Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

Lo stemma con la corona sopra a tutto ...
...sotto una croce fatta di lampadine;
tre mazzi di rose con una lista di lutto:
candele, candelotte e sei lumini.

Proprio accanto alla tomba di questo signore
c’era un'altra tomba piccolina,
abbandonata, senza nemmeno un fiore;
per segno, solamente una piccola croce.

E sopra la croce appena si leggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardandola, che pena mi faceva
questo morto senza neanche un lumino!

Questa è la vita! tra me e me pensavo...
chi ha avuto tanto e chi non ha niente!
Questo pover'uomo s'aspettava
che anche all’altro mondo era pezzente?

Mentre rimuginavo questo pensiero,
s'era già fatta quasi mezzanotte,
e rimasi chiuso prigioniero,
morto di paura... davanti alle candele.

Tutto a un tratto, che vedo da lontano?
Due ombre avvicinarsi dalla mia parte...
Pensai: questo fatto a me mi pare strano...
Sono sveglio...dormo, o è fantasia?

Altro che fantasia! Era il Marchese:
con la tuba, la caramella e il pastrano;
quell’altro dietro a lui un brutto arnese;
tutto fetente e con una scopa in mano.

E quello certamente è don Gennaro...
il morto poverello... il netturbino.
In questo fatto non ci vedo chiaro:
sono morti e si ritirano a quest’ora?

Potevano starmi quasi a un palmo,
quando il Marchese si fermò di botto,
si gira e piano piano... calmo calmo,
disse a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente".

"Signor Marchese, non è colpa mia,
io non vi avrei fatto questo torto;
mia moglie è stata a fare questa fesseria,
io che potevo fare se ero morto?

Se fossi vivo vi farei contento,
prenderei la cassa con dentro le quattr'ossa
e proprio adesso, in questo stesso istante
entrerei dentro a un'altra fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Fammi vedere! prendi 'sta violenza...
La verità, Marchese, mi sono stufato
di ascoltarti; e se perdo la pazienza,
mi dimentico che son morto e son mazzate!

Ma chi ti credi d'essere...un dio?
Qua dentro, vuoi capirlo che siamo uguali?...
...Morto sei tu , e morto son pure io;
ognuno come a un altro è tale e quale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Ma quale Natale, Pasqua e Epifania!!!
Te lo vuoi ficcare in testa... nel cervello
che sei ancora malato di fantasia?...
La morte sai cos’è?... è una livella.

Un re, un magistrato, un grand’uomo,
passando questo cancello, ha fatto il punto
che ha perso tutto, la vita e pure il nome:
non ti sei fatto ancora questo conto?

Perciò, stammi a sentire... non fare il restio,
sopportami vicino - che t'importa?
Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
noi siamo seri… apparteniamo alla morte!".

cosimo de bari ha detto...

Questa la versione originale Napoletana

'A LIVELLA

...."Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!".

paola tassinari ha detto...

Beh dover aspettare la morte per avere la livella non mi sembra giusto :(

cosimo de bari ha detto...

Non volevo dire questo, il mio commento serviva per affermare che 'a livella dovrebbe esserci in tutti i giorni, da vivi.
:-))

paola tassinari ha detto...