martedì 27 gennaio 2009

GIORNATA DELLA MEMORIA

Non gridate più

Cessate d’uccidere i morti,
Non gridate più, non gridate
Se li volete ancora udire,
Se sperate di non perire.

Hanno l’impercettibile sussurro,
Non fanno più rumore
Del crescere dell’erba,
Lieta dove non passa l’uomo.

Giuseppe Ungaretti (1888-1970)

11 commenti:

Gaetano ha detto...

Una canzone di Sofia Rotaru, una cantante ucraina degli anni '80
Аист на крыше

Люди, прошу я,
Потише, потише,
Войны пусть сгинут во мгле.
Аист на крыше,
Аист на крыше,
Мир на земле.

La cicogna sul tetto

Gente, vi prego,
fate più piano, più piano,
lasciate scomparire le guerre nell'oscurità.
La cicogna sul tetto,
la cicogna sul tetto,
pace in terra.

gaetano

Annarita ha detto...

Straordinaria memoria in versi e in immagine. Anch'io ho ricordato su Scientificando.

teoderica ha detto...

Grazie Gaetano per la poesia e per venirmi a trovare spesso. Un abbraccio.

teoderica ha detto...

Grazie Annarita , adesso vado a vedere SCIENTIFICANDO. UN Abbraccio

Pier Luigi Zanata ha detto...

Ungaretti, sommo poeta.
Vale

teoderica ha detto...

Anche a me Ungaretti piace tanto, perchè è stringato ma "denso". Ciao

pietro d. perrone ha detto...

Cara Paola,
veramente bellissima la poesia.
Ed ancora più "giusto" il tuo disegno.
Sei brava. Davvero.
E' stata un'emozione leggerti stamattina.
Al lavoro dedico qualche minuto alla lettura...
ma loro, per impedire che ci distraiamo, hanno bloccato la modalità interattiva sui blog, e quindi non è possibile nè rispondere nè fare alcunchè di altro.

Ciao. A presto.

PS
Come è andata dal... frate ieri sera? Deve essere veramente emozionante... fai finta che ci sia anche io, lì, qualche volta...

riri ha detto...

Ciao Teodorica, amo molto Ungaretti..
complimenti per il dipinto.
Un caro saluto.

teoderica ha detto...

Al lavoro si lavora caro Piero, grazie comunque.Ti devo poi dire che dal ....frate è stato ben poco emozionante.Con simpatia .

teoderica ha detto...

Cara Riri che piacere rivederti, ti vengo a trovare subito. Ciao.

pietro d. perrone ha detto...

In ufficio passo talmente tante ore, dalle nove del mattino a alle sei passate; devo pure respirare qualche momento, no?

Stasra vado di fretta, ho poco tempo.

A presto