giovedì 31 ottobre 2013

OH MIO BEL GIARDINO


Incastonato come una piccola perla nel piccolo centro di Bagnacavallo vi è un piccolo giardino, piccolo , piccolino e picciò.
Ultimo esempio di orto botanico esistente all'interno del centro storico di Bagnacavallo, il Giardino dei Semplici è anche conosciuto come Giardino degli Aforismi per le sue panchine in ferro battuto con aforismi diLeo Longanesi, che qui a Bagnacavallo nacque, inscritti sugli schienali. Secondo la tipica organizzazione dei giardini che un tempo numerosi abbellivano i palazzi e i conventi ubicati all'interno delle mura cittadine, l'orto è suddiviso in quattro aree:
- l'umbraculum, riservato allo svago e alla meditazione e perciò caratterizzato da piante rampicanti e da viti;
- il pomarium, destinato alla coltivazione degli alberi da frutto;
- l'horteus holeorum, in cui si coltivano le piante destinate alla cucina;
- l'hortus sanitatis, ovvero l'orto officinale.

Gli aforismi di Longanesi incisi sulle panchine d’autore:
Tutto ciò che non so l’ho imparato a scuola
Veterani si nasce
I ricordi dell’anno venturo già mi pesano
L’arte è un appello al quale molti rispondono senza essere chiamati
L’amore è l’attesa di qualcosa che quando arriva annoia
Uno stupido è uno stupido. Due stupidi sono stupidi. Diecimila stupidi sono una forza storica.
Diffidate delle donne intellettuali: finiranno per rintracciare sempre il cretino che le capisce.
La famiglia è uno stato che riceve autorità dalla noia, dalla convenienza e dalla paura di morire soli in casa.
E poi si resta soli con una bandiera stinta in pugno, in un vicolo chiuso, che sarà demolito dal piano regolatore.
Le società si fondano sopra quella sorta di romantici che sulla seggiola coltivano la nostalgia di diventare pastori di cavalli in una steppa, mandriani in alta montagna, campanari in una chiesa di valle, frati in un convento del Caucaso, falegnami in un villaggio olandese, o guardaboschi nelle selve della California, e muoiono impiegati del catasto.
Foto. Giardino degli Aforismi di Bagnacavallo

2 commenti:

cosimo de bari ha detto...

Il giardino è delizioso, gli aforismi sulle panchine, invece sono un ko.
Un beso :-)

paola tassinari ha detto...

Grazie Cosimo.
Buon Festa dei Morti