domenica 24 maggio 2009

IL LANCIO DEL NANO E' LESIVO ALLA DIGNITA' UMANA ?

Pare che il divertimento preferito di molti australiani sia quello di assistere al lancio dei nani .Questi, dotati di apposito casco di sicurezza , vengono lanciati verso materassi, lo scopo è lanciare il nano il più lontano possibile. La star di questo sport è stato lanciato a più di 9 metri. I sostenitori di questo" gioco " chiedono sia incluso tra le specialità olimpioniche. Il Consiglio di Stato francese ha deciso di proibire questa pratica , ritenuta lesiva alla dignità umana, sul proprio territorio.La Commissione per i diritti umani ha stabilito che l' ordinanza francese non è discriminatoria nei confronti dei nani. Ciò ha creato un vespaio di polemiche : da una parte i nani che ritengono di avere il, diritto di essere lanciati quando e come gli pare, dall' altra chi ritiene diffamante l' etichettatura di " nano " come categoria , soprattutto se collegata a tale attività.

16 commenti:

stella ha detto...

Mettere d'accordo tutti è sempre difficile, se non impossibile...
Buona domenica, Teo.

pietro d. perrone ha detto...

Post geniale. Paola.
Il lancio del nano... che ispirazione!
Noi abbiamo più di un nano che sarebbe bene si dedicassero a questo sport.
Riuscirebbero senz'altro ad ottenere successi migliori di quelli che attualmente riscuotono in politica.
Promuoviamo la formazione di una squadra italiana e la sua partecipazione alle olimpiadi!!
Se i nani da lanciare sono quelli che ho in mente io, mi candido fin da adesso a partecipare personalmente all'iniziativa.
Sono certo di battere qualsiasi record.

Nel frattempo ho visto su youtube il film di questa attività. Cerca : dwarf tossing (in inglese, lancio del nano).
Cara Paola, se i nani sono quelli che ho in mente, non mi dimenticare! Mi offenderei da morire. Ma soprattutto tu ti priveresti del migliore lanciatore di tutti i tempi!!!

teoderica ha detto...

Cara Stella, il mio post voleva proprio sottolineare quanto sia difficile nel mondo di oggi essere d' accordo e perciò occorrono sempre nuove leggi e nuove limitazioni delle libertà.Ciao.

teoderica ha detto...

Caro Piero, grazie per la segnalzzione , andrò su youtube con curiosità. Non ti dimenticherò se ci sarà una partita di lanci di nano,,,,,,io sono una pessima lanciatrice e non voglio correre il rischio di lanciare il nano troppo vicino. Ciao.

giardigno65 ha detto...

il record è stato omologato ?

Pier Luigi Zanata ha detto...

Mi accodo: si potrebbe fare una eccezione in Italia, un nano, il NANO, per eccellenza, lo avrei sottomano...
Vale

pietro d. perrone ha detto...

Scusate ma rivendico il primo lancio.
I nani sono due, almeno due.
Tutti e due cominciano per B.
O mi sbaglio?
Il record lo mette chi riesce a lanciarli più lontano oltre confine.
Strategia: il confine oltralpe è alto ma più vicino e da Ravenna è davvero dietro l'angolo.
Quello oltremare è ... aria - aria, anzi, acqua - acqua. Ma la distanza è maggiore, perchè non vale l'atterraggio morbido (in acqua, intendo).

Vedo comunque che la squadra comincia ad essere numerosa. Il gioco piace. La partite prende.

Infine, confesso. Credo che per riuscire meglio nel record mi doperò a dovere.

Viviana ha detto...

Certo che però questi Australiani hanno dei gusti davvero bizzarri in fatto di spotr. Io mi dissocio dai lanci di nani Italiani, non meritano tutta questa attenzione. Buona vita, Viviana

Annarita ha detto...

Non saprei, Teo. Forse ci sono cose più lesive...

Per il lancio dei nani italiani, se avete bisogno di una mano, ve la presto voentieri,...ma senza faticare troppo che fa caldo!

Ciao!

teoderica ha detto...

a Giardigno 65, esiste un record come in tutti gli sport( sui 9 metri mi pare)......la notizia l' ho trovata in una lezione accademica di diritto, su Rai Nettuno, il relatore ne parlò perchè era un caso in cui era molto difficile legiferare in quanto i nani rivendicano il diritto di essere lanciati i non nani lo consideravano lesivo alla dignità dei nani..........ma quanto è difficile fare leggi. Un saluto e un grazie per la visita.

teoderica ha detto...

A Pier Luigi e a Pietro........ mi dispiace per voi, ma dovrete fare a meno del lancio , il supernano se continua così si lancia da solo.....Piero il nanetto non è poi così male , a me sta pure un po' simpatico . Ciao.

teoderica ha detto...

A Pier luigi e a Piero.....dovrete fare a meno del lancio, il supernano si lancia da solo, ed il nanetto non è poi così male , non certo paragonabile al suo capo. Ciao.

teoderica ha detto...

Viviana, grazie della visita, sono d'accordo con te , veramente bizzarri. Ciao

teoderica ha detto...

Certo annarita , ci sono cose più lesive, ma la mia riflessione era sulla difficoltà di legiferare.:-)Ciao

Anonimo ha detto...

Vero che c'e' la cosidetta liberta'...di pensiero...di fare cio' che si vuole....di dire cio' che si vuole...vero che ci sono categorie di nani (australiani, americani, italiani)
Per una mamma, come la sottoscritta, con un bimbo acondroplasico(questo e' il termine medico ) o bimbo nano (frase piu' gentile) o di bassa statura che dir si volgia, leggere questi post fa sempre tristezza, non per me o per mio figlio, ma per voi, che di nanismo e delle eccezionali qualita' di queste PERSONE, ne sapete ben poco.
Buona vita a tutti!

teoderica ha detto...

Si sbaglia signora, io credo sia lei che per il troppo dolore veda suo figlio diverso, il lancio del nano viene visto come lesivo di dignità e dall' altra parte viene visto come mancanza di libertà, mi spiace veramente molto che lei si sia sentita offesa, non era mia intenzione e me ne scuso, ma mi creda l' intento era di soffermarsi su persone acondroplasiche soffermandosi sul loro essere, lei mi da una grande lezione perchè rileggendo i commenti ho visto che si è scivolati sulla burla, mi dispiace perchè l' intento era quello di dimostrare quanto sia difficile legiferare quando il "sentire" è diverso.