mercoledì 7 novembre 2012

HAIKU


L'haiku è un componimento poetico la cui struttura tradizionale è formata solo da tre versi, rispettivamente di 5-7-5 sillabe, per un totale dunque di 17 sillabe. Si tratta di una delle forme più importanti, e probabilmente più conosciute all'estero, di poesia tradizionale.
Creato in Giappone nel secolo XVII, l'haiku ha come soggetto scene rapide ed intense che rappresentano, in genere, la natura e le emozioni che esse lasciano nell'animo dell'haijin (il poeta).

Il tetto si è bruciato:
ora
posso vedere la luna.

Masahide


...della serie la speranza e l'ottimismo

6 commenti:

cosimo ha detto...

Anche senza vedere il cuore
riesco a sapere chi genera
tutti i battiti

Troppo emozionante la tua opera, cara Paola, proprio generatrice di battiti fanciulleschi e adolescenziali del cuore :)

pietro d. perrone ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
pietro d. perrone ha detto...

... eh Paolè, il fatalismo buddista fa di questi miracoli.
però come non vedere anche in questi versi quella forza che ci fa andare avanti nonostante i colpi della vita?
Non passiamo tutti attraverso quel buco nel tetto, non lanciamo di lì i nostri sguardi pieni di speranza che il dolore, quando ci rapisce, ci lasci?
E non è forse vero che la vita - cioè quella luce che traspare di lassù, attraverso quel buco nel tetto bruciato come sono bruciate certe vite, o certe ore dalla vita - ha sempre il sopravvento?
solo chi muore non ha più altre speranze.
chi vive, anche suo malgrado, vede i suoi occhi rimirare lassù.
non può farne a meno, nè fare a meno di vivere.

pietro d. perrone ha detto...

nel post cancellato c'era qualche errore di battitura di troppo.
l'ho ricopiato sotto

teoderica ha detto...

A Ettore e a Cosimo un caro saluto, sono tornata alla vita dopo una settimana senza internet.
Ciao ad ambedue.

teoderica ha detto...

Mi sono sbagliata volevo dare un caro saluto a Cosimo e a Piero...il pc non funziona ancora bene.
:-(