venerdì 23 agosto 2013

RAPERONZOLO LA FAVOLA



C’era una volta un uomo e una donna che desideravano invano un bimbo. Finalmente la donna scoprì di essere in attesa. Un giorno la donna guardando un giardino vide dei meravigliosi raperonzoli in un’aiuola. Subito ebbe voglia di mangiarne e, siccome sapeva di non poterli avere, divenne magra e smunta a tal punto che il marito se ne accorse e, spaventato, gliene domandò la ragione. “Ah! Morirò se non riesco a mangiare un po’ di quei raperonzoli che crescono nel giardino dietro casa nostra.” L’uomo, allora scavalcò il muro, colse in tutta fretta una manciata di raperonzoli e li portò a sua moglie. La donna li mangiò con avidità. Ma i raperonzoli le erano piaciuti a tal punto che il giorno dopo la sua voglia si triplicò. L’uomo entrò ancora una volta nel giardino. Ma grande fu il suo spavento quando si vide davanti la maga, proprietaria del giardino, che incominciò a rimproverarlo per essere entrato nel giardino a rubare. Egli si scusò e la maga disse: “Mi contento di quel che dici e ti permetto di portar via tutti i raperonzoli che desideri, ma a una condizione: mi darai il bambino che tua moglie metterà al mondo.” Impaurito, l’uomo accettò ogni cosa e quando sua moglie partorì, subito comparve la maga, diede il nome di Raperonzolo alla bimba e se la portò via.

Raperonzolo divenne la più bella bambina del mondo, ma non appena compì dodici anni, la maga la rinchiuse in una torre alta alta che non aveva scala, ma solo una minuscola finestrella in alto. Quando la maga voleva salirvi, da sotto chiamava:
“Oh Raperonzolo, sciogli i tuoi capelli
che per salir mi servirò di quelli.”
Raperonzolo aveva infatti capelli lunghi e bellissimi, sottili come oro filato. Quando la maga chiamava, ella scioglieva le sue trecce, annodava i capelli in alto, al contrafforte della finestra, in modo che essi ricadessero per una lunghezza di venti braccia, e la maga ci si arrampicava.

Un giorno un giovane principe venne a trovarsi nel bosco ove era la torre, vide la bella Raperonzolo alla finestra e la udì cantare con voce così dolce che tosto se ne innamorò. Egli si disperava poiché‚ la torre non aveva porta e nessuna scala era alta a sufficienza. Tuttavia ogni giorno si recava nel bosco, finché‚ vide giungere la maga che così parlò:
“Oh Raperonzolo, sciogli i tuoi capelli
che per salir mi servirò di quelli!”
Così egli capì grazie a quale scala si poteva penetrare nella torre. Si era bene impresso nella mente le parole che occorreva pronunciare, e il giorno seguente, all’imbrunire, andò alla torre e gridò:
“Oh Raperonzolo, sciogli i tuoi capelli
che per salir mi servirò di quelli!”
Ed ecco, ella sciolse i capelli e non appena questi toccarono terra egli vi si aggrappò saldamente e fu sollevato in alto.

Raperonzolo da principio si spaventò, ma ben presto il giovane principe le piacque e insieme decisero che egli sarebbe venuto tutti i giorni a trovarla. Così vissero felici e contenti a lungo, volendosi bene come marito e moglie. La maga non si accorse di nulla fino a quando, un giorno, comprese di essere stata ingannata e andò su tutte le furie. Afferrò allora le belle trecce di Raperonzolo, prese le forbici e le tagliò. Quindi portò Raperonzolo in un deserto dove ella fu costretta a vivere miseramente e, dopo un certo periodo di tempo, diede alla luce due gemelli, un maschio e una femmina.

La stessa sera del giorno in cui aveva scacciato Raperonzolo, la maga legò le trecce recise al contrafforte della finestra e quando il principe giunse e disse:
“Oh Raperonzolo, sciogli i tuoi capelli
che per salir mi servirò di quelli!”
ella lasciò cadere a terra i capelli. Come fu sorpreso il principe quando trovò la maga al posto dell’amata Raperonzolo! “Sai una cosa?” disse la maga furibonda “per te, ribaldo, Raperonzolo è perduta per sempre!” Il principe, disperato, si gettò giù dalla torre: ebbe salva la vita, ma perse la vista da entrambi gli occhi. Triste errò per i boschi nutrendosi solo di erbe e radici e non facendo altro che piangere. Alcuni anni più tardi, capitò nello stesso deserto in cui Raperonzolo viveva fra gli stenti con i suoi bambini. La sua voce gli parve nota, e nello stesso istante anch’ella lo riconobbe e gli saltò al collo. Due lacrime di lei gli inumidirono gli occhi; essi si illuminarono nuovamente, ed egli potè‚ vederci come prima.

FINE

PS Psicologi, letterati e filosofi trovano nelle fiabe sensi e simboli nascosti, io non so, però amo moltissimo le favole perchè vanno sempre a finire bene ed il cattivo perde sempre o al limite si pente e diventa buono, vi ho presentato la favola di Raperonzolo perchè al prossimo post vi presenterò il raperonzolo verdura ed erba selvatica.


Acquerello di Teoderica

14 commenti:

Gianna Ferri ha detto...

Anche a me piacciono le favole, bella e commovente questa.

paola tassinari ha detto...

Ciao Gianna :)

cosimo de bari ha detto...

Le favole sono il bello della nostra vita, se sappiamo viverle a tutte le età, più che limitarci a leggerle.
Perché quel bello é l'amore.
....buone favole Paola, di cuore!

cosimo de bari ha detto...

Le favole sono il bello della nostra vita, se sappiamo viverle a tutte le età, più che limitarci a leggerle.
Perché quel bello é l'amore.
....buone favole Paola, di cuore!

cosimo de bari ha detto...

BOOMMMM..Buoncompleannoooo....BoomBoommmm
Auguri Pola!!!
Un beso

paola tassinari ha detto...

Grazie cosimo, sei molto carino, come un pulcino :) ciao Cosimo.

Gaetano ha detto...

Carissima Paola, ti piacerebbe essere dappertutto? Come dire in cielo, in terra e in mare? Dunque una dea ben più della maga della favola a commento, che è dei fratelli Grimm. In un'altra favola simile Raperonzolo assume il nome di Petrosinella, sinonimo di petrosino, ossia prezzemolo. Ecco l'importanza di Raperonzolo, di essere dappertutto, come il prezzemolo che viene usato abbondantemente in cucina.
In napoletano è chiamato 'u putrusino!
Tanti auguri per la ricorrenza odierna,
Gaetano

paola tassinari ha detto...

Caro, carissimo Gaetano magari fossi il prezzemolo...un po' lo sono :) talmente curiosa da infilarmi nei pasticci...grazie e un besotto smack!

Cybermax ha detto...

Raperonzola mi ha sempre fatto sorridere questo nomignolo.
Complimenti!!

Gaetano ha detto...

Hai detto bene, Paola. Raperonzolo, o, meglio Petrosinella, indica nella favola in questione, la curiosità nell'uomo. Ha capelli lunghi per permettere di arrampicarvisi anche se assai in alto e così arrivare a lei. Effettivamente si fa di tutto per soddisfare la curiosità che è innata negli uomini di scienza, per esempio.
Buona domenica,
Gaetano

paola tassinari ha detto...

Però è un bel nome :)
Ciao cybernauta :)

paola tassinari ha detto...

Ecco io mi arrampico talmente in alto con la curiosità, che poi cado e più sono in alto e più mi faccio male :), ciao Maestro, un po' è colpa tua :)

Adriano Maini ha detto...

Anche sulle favole il discorso sarebbe lungo, ma mi sento ancora più inadeguato che su altri temi. L'importante é che se ne raccontino da millenni, per offrire, come nel caso di Raperonzolo, la bellezza di un racconto.

paola tassinari ha detto...

...hai detto bene bene Adriano la bellezza del racconto, che deriva da contare, quindi chi racconta conta e pure canta :)