mercoledì 15 gennaio 2014

ARCHETIPI DELLA SAGA ARTURIANA

LANCILLOTTO
E’ il miglior cavaliere del mondo. Rapito da fanciullo dalla Dama del Lago e allevato nel suo regno incantato. Giunto all’ adolescenza chiede ed ottiene di essere nominato cavaliere da Artù. E’ generoso, leale, imbattibile, è il fiore dei cavalieri della tavola Rotonda, eppure sarà la causa principale della rovina del regno di Artù, causa il suo amore adulterino per Ginevra, la moglie di Artù. Lancillotto è l’archetipo del guerriero leale e coraggioso, ma troppo umano, in quanto le sue capacità vengono vanificate dal suo brillare nel mondano, troppo attaccato all’ “umano” fallirà nella sua ricerca dell’Eterno. Merlino soccombe all’aspetto magico o superumano del Femminile, Lancillotto cede all’apetto terreno inacarnato da Ginevra. E' il l limite di tutti i cavalieri della Tavola Rotonda, uomini ineccepibili, ma la cui ambizione principale non è metafisica o spirituale ma è di primeggiare nel mondo. Non a caso il Graal sarà accessibile solo a Galahad, che ha come virtù principale la purezza.

9 commenti:

cosimo de bari ha detto...

sono un Lancillotto con variante, forse meglio dire, a modo mio: vorrei portare nell'infinito l'amore tra fisicità e non.

paola tassinari ha detto...

Lancillotto e la tua Ginevra chi è?

cosimo de bari ha detto...

La mia Ginevra è ...

paola tassinari ha detto...

Guarda che il nome lo puoi anche dire, magari mentendo :)

cosimo de bari ha detto...

inizia con la T :-))

cosimo de bari ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
cosimo de bari ha detto...

...ma la T c'è pure :-))

cosimo de bari ha detto...

non inizia con la T, mi ero confuso, ma la T c'è, come pure c'è una lettera non proprio italiana, la kappa...;-)

paola tassinari ha detto...

No comment