mercoledì 19 ottobre 2011

19 OTTOBRE 2011


Il 19 ottobre è il compleanno di mio figlio e perciò per me è un giorno indimenticabile quindi dedico a lui e a me una poesia del mio amatissimo Roberto Piumini.

Perchè si festeggia il compleanno
( Roberto Piumini)

C'è un giorno nel giro del tempo
nel giro dell'anno rotondo:
lo festeggia con te chi è contento.

Tu sei nato in un giorno normale
lungo il giro rotondo dell'anno:
ma quel giorno si è fatto speciale
e lo chiamano il tuo compleanno.


Poi siccome una poesia mi sembra poca cosa ne aggiungo un' altra di Gianni Rodari che parla degli Eschimesi, in quanto mio figlio vive lontano, là vicino all' Alaska dove fa tanto freddo, ma..."il cuore degli uomini basta da solo
a scaldare perfino il Polo".

Gli esquimesi
(Gianni Rodari)

Strana gente, gli esquimesi:
sono di ghiaccio i loro paesi;
di ghiaccio piazze, strade e stradette,
sono di ghiaccio le casette;
il soffitto e il pavimento
sono di ghiaccio, non di cemento.
Perfino il letto e’ di buon ghiaccio,
tagliato e squadrato col coltellaccio.
Ed e’ di ghiaccio, almeno pare,
anche la pietra focolare.
Di non-ghiaccio c'e’ una cosa,

la piu’ segreta, la piu’ preziosa:
il cuore degli uomini che basta da solo
a scaldare perfino il Polo

Avrete notato come questi due autori siano semplici e profondi come il cuore di un bambino, lo stesso che batte nel mio cuore, anche se io sono una bambina triste.

immagine di Teoderica

19 commenti:

Soffio ha detto...

E quì si vede tutta la Teo, quella che galleggia appena sotto il pelo dell'acqua. Mi piacerebbe chiedere molte cose, ma non posso. Un bacione de core.

Gianna ha detto...

Auguri al cuore caldo di tuo figlio!

Gaetano Barbella ha detto...

Cara Paola auguri anche da parte mia per il tuo Mirko, quasi un ghiacciolo se non fosse per il suo cuore simile a una stufa, ma che non si "stufa" mai a tenere a bada il freddo polare.

Molto tempo addietro ho fatto pubblicare la lettera che segue da un amico che curava un giornale online (ora ha una sua rubrica internet). É solo l'anteprima che cito per brevità e leggendola per intero capirai il nesso con il tuo Mirzo e il ghiaccio.
Alla semplicità delle due poesie non poteva mancare l'approfondimento che di solito ti aspetti da me e questa è una buona occasione per farlo. Giusto per dar forza alla memoria che deve potersi riferire ad un punto dello spazio-tempo-amore la nascita in tutte le sue esplicazioni a cominciare da quella di un bambino nel grembo di una madre. Si tratta di costituire una linea ideale lungo la quale si delineano questi punti natali. Di qui un legame fra loro con una curva indefinita idealmente come una sinusoide. Più veroimilmente simile ad un diagramma del battito cardiaco.

L'anteprima della lettera è questa, seguita dall'indirizzo internet che vi attiene
Abbracci, Gaetano

Caro Claudio,
mi riferisco all'articolo Paola Arminio, Gianmario Bonfadini: “Verso una scultura di neve in Norvegia" (rubrica Critica della cultura: “Viaggi e altri Viaggi") del 24 febbraio (oggi?). Ieri, dopo averlo letto, ho preferito inviare alle suddette persone una e-mail per compiacermi con loro in modo personale per la loro interessante impresa, anche perché mi premeva inviare in allegato delle foto. Oggi mi hanno risposto per ringraziarmi e per chiedermi di farti pubblicare in replica la mia email suddetta.

Perciò ora di mando in copia la e-mail in questione unita alla loro, e poi vedi tu.
Cari saluti,
Gaetano Barbella

http://www.tellusfolio.it/index.php?prec=%2Findex.php%3Flev%3D104&cmd=v&id=8058

hector49 ha detto...

La bambina triste è capace di tutto, malinconica, ferma negli anni. Io invece ho scoperto (ma delle definizioni è meglio non abusare) di essere anti empatico. E abbraccio il deserto del mondo e perchè no, anche i bambini tristi. Ciao

giardigno65 ha detto...

w le ragazze tristi !

cosimo ha detto...

Paola ciao,
......AUGURISSIMI ad entrambi!!
E oggi non sei una bambina triste, perchè regnano in te calore, dolcezza, orgoglio e amore di donna e di mamma.
Sei una donna felice del tuo essere mamma.
Sopratutto non c'è giacchio nel cuore e neppure nell'anima e nei pensieri. Il bello delle distanze è che senza aerei, treni, navi, auto o chissà che, sono abbattute dai pensieri e dal cuore. Le distanze nascono per uno scherzo del destino, servono per metterci alla prova, per amare di più. Poi un nuovo scherzo del destino può abbatterle.
Tu hai la musica dell'amore nel cuore, ascoltala e nutriti di lei. Oggi e sempre.
Le poesie poi sono l'emblema del calore tra gli uomini.
Un doppio abbraccio, cara Paola, dal cuore al cuore.
Ancora auguri doppi.

teoderica ha detto...

Caro Soffio,
spero di non affondare,il mio problema è che non mi capisco,ma sono convinta che se si interrogassero sarebbero così anche gli altri.
Un abbraccio tondo come il mondo.

teoderica ha detto...

Cara Gianna grazie, ...ogni scarafone è bello a mamma sua.
Ciao.

teoderica ha detto...

Gaetano, grazie mille per il tuo commento, un ulteriore regalo per mio figlio che ti apprezza tanto, anzi ti dirò che nel tempo libero tralascia la scienza ufficiale e si è messo a leggere libri su libri esoterici e "strani" .
La remora che vince la salamandra mi piace molto anche perchè il ghiaccio può anche bruciare, infatti le scottature del ghiaccio sono più dolorose di quelle del fuoco.
Bacio, bacissimo per Gaetanissimo.

Anonimo ha detto...

Grazie, Mammma. Ma non ti devi preoccupare qua si sta bene.

teoderica ha detto...

Ettore caro,
mentre sto facendo le cose penso di non saper fare niente, ma se mi volto indietro mi dico ...bè ce l' hai fatta...e tu ( mio pensiero) sei empatico ma trooppoo sensibile.
Ciao.

teoderica ha detto...

Caro Cosimo,
grazie tu sei sempre caro e molto gentile oltre che pieno di cuore.
"Le distanze nascono per uno scherzo del destino, servono per metterci alla prova, per amare di più. Poi un nuovo scherzo del destino può abbatterle." questa tua frase mi è piaciuta davvero tanto.
Un abbraccio.

teoderica ha detto...

Caro Mirko: Buon Compleanno, come vedi ti hanno fatto gli auguri anche i miei amici del blog e ricordati che...Le distanze nascono per uno scherzo del destino, servono per metterci alla prova, per amare di più. Poi un nuovo scherzo del destino può abbatterle.
Bacio, bacissimo.

pietro d. perrone ha detto...

Buon, anzi ottimo compleanno a lui!
E un abbraccio di vero affetto a te, ragazza triste.
Che però sa scegliere poesie allegre e tenere, bellissime nella loro naturalezza spontanea.

Piero

Annarita ha detto...

Auguri fuor di ogni retorica per il tuo figliolo, Paola...e anche a te che sei la sua mamma.

Un caro saluto.
annarita:)

teoderica ha detto...

Grazie Piero,
ottimo ragazzo romano, grazie per la tua amicizia.
Ciao.

teoderica ha detto...

Grazie Annarita,
ora passata l' estate riprenderò a frequentare i tuoi splendidi blog giornalmente.
Ciao :))

pulvigiu ha detto...

Un bel modo per augurare al figlio
l'anniversario della nascita.
Auguroni anche da me.

Buon fine settimana.

Domani 22 ottobre Papa Wojtyla potra'
essere festeggiato in tutto il mondo
per la sua Santità.
Ho postato una poesia del mio caro
amico per ricordare la sua presenza
sempre tra noi.

Ciao da Giuseppe.

teoderica ha detto...

Grazie Giuseppe,
verrò da te a leggere la poesia.
Ciao e buona settimana.