domenica 29 gennaio 2012

A FERRARA ANDAI ( racconto in 17 puntate)

2 puntata


Ora però vorrei introdurvi alla mostra a modo mio, e cioè non in modo aulico, ma popolano e semplice, come lo sguardo di un bambino. Già vi dico che per decidere se un' opera mi piace, mi faccio questa domanda: " Se avessi il denaro occorrente, quale opera mi piacerebbe a tal punto da acquistarla?"
Poi lascio scivolare via tutte le conoscenze della storia dell' Arte e mi immergo nella mostra come un pesce nell' acquario.
L' esposizione inizia con due tele, una di Monet nella sua ultima fase, preludio dell' arte Informale, e una tela splendida di Renoir.

Pierre-Auguste Renoir (1841-1919) è il pittore che, dopo Monet, ha meglio sintetizzato la poetica dell' Impressionismo. Iniziò la sua attività da ragazzo decorando porcellane, stoffe e ventagli.

Partecipa alla prima mostra impressionista del 1874 presso lo studio di Nadar. Renoir è insuperabile nella resa delle figura femminile, specie nei nudi. Le sue immagini sono create dalla luce stessa che, attraverso mille riflessi compone immagini di grande fascino.

Dopo il 1881 la sua pittura entrò in crisi. Abbandonò la leggerezza del periodo impressionista per aprire un nuovo periodo che egli stesso definì «agro». La sua pittura tese ad un maggior spirito neoclassico, e a ciò non fu estraneo un viaggio che egli fece in Italia e che gli permise di conoscere i grandi pittori del passato. Colpito da artrite reumatica continuò imperterrito la sua attività di pittore fino alla morte.

Tormentato dall'artrite e con le dita irrimediabilmente deformate, si faceva legare i pennelli ai polsi.

L' opera presente alla mostra è intitolata " La Fonte" ed è un nudo gigantesco, il volto della modella è il solito viso paffuto tipico dell' artista, ma qui vi sono insoliti occhi ammiccanti, le carni sono morbide e tornite, invitano al tatto, tutto il corpo invita all' amore, ma la mano stretta a pugno sul lenzuolo che le nasconde le parti intime sembra dire: " Non te la do".

Bè questo dipinto, anche se l' Impressionismo lo trovo sdolcinato, lo comprerei.


immagine di Teoderica


8 commenti:

lucietta1 ha detto...

Forse è troppo colorato per i miei gusti ,io invece amo molto l'impressionismo anche questo se ne discosta un pò è comunque bello approvo!

teoderica ha detto...

Cara Lucietta...ti ringrazio molto per il comunque bello perchè l' immagine è mia...ho preso un dipinto di Renoir e l' ho stravolto rendendolo irriconoscibile, infatti sebbene mi piaccia scrivere il blog era nato solo per le mie immagini e i miei quadri, poi lo scrivere mi è entrato nel cuore.
Ciao.

cosimo ha detto...

Quel dipinto lo comprerei pure io, quindi dobbiamo organizzare un'asta a due :-)))
La tua opera, che definisci immagine, è pure di pregiata qualità, spazia il blu oltremare, che porta i pensieri oltre ogni mare di desideri e sogni.
Insomma assieme alla mostra in quel di Ferrara, ammiro i tuoi lavori d'arte in un viaggio che pare doppio.
Buona settimana Paola!

PS - io domani consegno una mia opera per una collettiva, della durata di un mese, da 100 pittori. Non sarò Renoire o Monet, ma vivo dello spirito, di un altro celebre francese, di De Coubertin.

Un beso dipinto di rouge.

teoderica ha detto...

Conoscendoti, credo che tu viva dello spirito di Coubert...non so chi è De Coubertin, magari dall' assonanza del nome è un libertino pure lui.
Ciao Cosimo in bocca al lupo per la collettiva che farai, vedrai sarà un sucessone.

cosimo ha detto...

Paola è colui che ha detto, in occasione, forse della prima olimpiade moderna, "l'importante non è vincere, ma partecipare",

teoderica ha detto...

Grazie Cosimo per la precisazione ...è uno degli aforismi più conosciuto e strausato per consolare...ma è anche vero.
Ciao.

pietro d. perrone ha detto...

Ciao, Paolè, come stai?
Bella la pittura di quel periodo,erano una squadra di visionari che hanno rivoluzionato il modo di fare pittura.
Ti seguirò mano mano.
Piero

teoderica ha detto...

Ciao Piero...mi va alla grande, contatti per il romanzo, ripreso a dipingere, partecipazione ad una maxi collettiva di 100 pittori, è veramente un periodo eccitante.
Riciao :)))