giovedì 18 luglio 2013

L'ANAGRAMMA DI TANTRA E' TARTAN ( settima parte)

La buona compagnia
Il Tantra invita a liberarsi da paura, colpa e inibizione, tornando a manifestare la nostra natura originale che è quella di Spiriti Liberi. Per mantenere l'equilibrio interiore è molto importante ricercare la compagnia di altri spiriti liberi, creando poi tutti insieme un Campo di Buona Energia Positiva.
Senza la compagnia e l'energia di altri spiriti incarnati, compatibili con il nostro stile di vita e la nostra spontanea voglia di felicità, la vita diventa noiosa e spiacevole. Invito tantrico: regalati la splendida compagnia di altri Spiriti Liberi. Regalati momenti meravigliosi da ricordare con amore.
Incontrarsi con amore per scopi pacifici è sempre una grande e giusta meditazione. È la meditazione di cui ha più bisogno la nostra società.
C'è in giro troppo malessere, troppa folla solitaria. Vediamo in giro tanti individui soli, isolati gli uni dagli altri ma con una grande voglia d'amare ed essere amati. C'è un grandissimo bisogno d'emozioni positive. Soli non è un suono completamente negativo, può essere anche letto e capito in un modo diverso, come il plurale di Sole. Più Soli scaldano e illuminano di più.
Lo dicevano chiaramente Gesù, Buddha e gli Antichi Maestri Spirituali.
Quando un gruppo di persone s'incontrano con buona volontà e buona attitudine, i miracoli avvengono. Da solo o in compagnia, ama te stesso, alimenta la tua voglia di vivere e il tuo desiderio di conoscere. Cerca, ogni giorno, la Compagnia degli Spiriti Liberi; decine di persone che si radunano con gioia in uno spazio preciso creano onde di buone vibrazioni che arrivano molto, molto lontano. Uniamo il binomio vincente Amore e Conoscenza. Viviamo ogni giorno nella consapevolezza dell'infinito presente.
Presente vuol dire anche regalo. Vivere nel presente, con persone in sintonia con il nostro stile di vita e la nostra voglia d'amare, è il più grande di tutti i regali. Regalati spesso, sempre più spesso, momenti meravigliosi da ricordare con amore. Amati, lasciati amare e ricorda che l'universo è al servizio di chi si lascia amare.
Devo dire che io sono stata molto amata, ma anche osteggiata, nonostante che per carattere mai  offenda gli altri colpendoli nei loro punti deboli, ho troppo rispetto per le persone per fare ciò, ma gli altri non hanno questo riguardo verso di me.
Sono amata ed osteggiata per  il mio spirito libero, ho regalato a piene mani gioia e punti di vista particolari, alfine di dare libertà anche agli altri, c'è chi mi ama e chi mi detesta perchè vorrebbero essere come me, questi ultimi non capiscono che la libertà non è uguale per tutti, ognuno ha la sua, come nel fare all'amore non c'è tecnica perchè ognuno ha il suo modo...in amore e nella libertà siamo tutti autodidatti.


immagine di Teoderica 

4 commenti:

cosimo de bari ha detto...

...e menomaleche siamo tutti autodidattti. Però a volte, questo essere autodidatti lo volgiamo verso il negativo, capovolgendo, in modo inequivocabile il professare di Gesù, Buddha e gli Antichi Maestri Spirituali.
Ieri pomeriggio, in una escursione per le strade della Val D'Orcia, mi sono imbattuto in una quercia bisecolare, in perfetta vita, in perfetto amore col territorio, inteso pure come uomini. Mi son fatto fotografare.
Bisogna apprendere amore pure da questo tipo di natura.
Buon amare, cara Paola...all'infinito, nell'eternità.

paola tassinari ha detto...

Mi sarebbe tanto piaciuto vedere la quercia, lo sai che era l'albero dei Druidi, quindi anche di Merlino :)
Ciao Cosimo...sei un buon autodidatta tu?

Adriano Maini ha detto...

Analisi convincente. Per le soluzioni, ho un animo troppo deciso, per apprezzarle in pieno.

paola tassinari ha detto...

Apprezzo la sincerità, e dal tuo volto traspare la fermezza :) una bella qualità,oggi un po'assente.