venerdì 18 marzo 2011

MARZO A PALAZZO SCHIFANOIA




Nella fascia superiore è raffigurata Minerva , sul carro del trionfo, trainato da unicorni. La dea della sapienza è contornata da studiosi e da donne che filano, Minerva è anche la dea delle tessitrici . Il mito racconta la sfida di Aracne che si disse più brava della dea a filare, Minerva molto irata, distrusse la tela e percosse sulla testa la fanciulla. Allora Aracne, triste per l'ira della dea e completamente persa, si impiccò. Ma gli dei celesti la mutarono in un piccolo ragno. Dopo Aracne sia nelle tenebre che nella luce, essendo ragno, senza sosta tesse tele meravigliose fatte di intrecci impalpabili.

Nella fascia di mezzo sta il segno zodiacale dell' Ariete, sopra il quale sta una figura di donna , una vergine forse.L' iconologia assomiglia al Raffaello della Dama dell' unicorno, infatti Raffaello ritrae una giovinetta dai colori primaverili con l' unicorno in braccio. Da un lato una figura di uomo con un anello o corona e una freccia, la vergine a cui spetta il dardo dell' amore e lo sposalizio, dall' altra parte un uomo imponente e lacero, con una corda, forse a simboleggiare chi conquista con la forza l' amore.

Nella fascia inferiore Borso assieme ai suoi familiari , poi a cavallo mentre si accinge ad andare a caccia, mentre sullo sfondo i contadini potano le viti, nell' insieme un quadretto che riecheggia il Buon Governo di Lorenzetti a Siena.


I mesi di gennaio e febbraio sono in gran parte rovinati.

25 commenti:

cosimo ha detto...

Buongiorno.....
Che dirti, io conosco soltanto Venere, perché sono taurino.
Complimenti per la padronanza dell'arte. Forse, dico forse, li a Ravenna ci sarà ancora o c'è stata, fino a qualche fa, un'opera di un mio compaesano. Non ricordo se Giulio Cozzoli o Filippo Cifariello.
un abbraccio di sole e nuvole!

teoderica ha detto...

...il segno del Toro è di solito un carattere buono e mite,io sono appassionata d' arte, vi ho fatto del volontariato e poi mi diletto a dipingere fingendo di essere un' artista...non conosco l' opera del tuo compaesano...essendo amante del mare amo anche l' occulto e la magia, attento che non te ne lanci una...sarà comunque una magia benevola.
Ciao di sole e nuvole anche qua.

**La PiCcOlA sOgNaTtIcE** ha detto...

Ecco un blog che realmente mi rispecchia. Amo l'arte, l'ho anche studiata ed era una delle mie materie preferite :) passerò spesso

cosimo ha detto...

Ho dipinto, ad olio, sulla fine degli anni 70 sei tele. Due sono qui di fronte a me, un'altra regalata è arrivata in Lombardia, due altre, sempre regalate, sono arrivate in Friuli, ma una delle due ha preso fuoco insieme alla bottega del corniciaio. Quella che non ha preso fuoco aveva una particolarità tutta mia. Ho dipinto uno scoglio bagnato dal mare, usando spruzzate di sabbia assieme ai colori ad olio. Un'altra ancora, con dimensioni insolite (3 mt x 1 mt), dopo un po di anni si è staccata dalla parete, finendo lacerata da diversi soprammobili in cristallo o simili.
Resto in impaziente attesa della tua magia.... benevola!
Ciao di sorriso di cielo merlettato di nuvole.

Ps- forse ti verrà da pensare "ma che ragioniere è quest'uomo?"

Gaetano Barbella ha detto...

Cara Paola, attraverso "Schifanoia" hai posto in vetrina il caso di Aracne e Minerva riaprendo un tema che fu oggetto di un mio intervento da Annarita su Scientificando, dove era di scena il fullerene. Ma non a caso il tema di Aracne e Minerva trova oggi in modo eclatante uno specchio della verità attraverso il risorgimento del popolo islamico, e non solo del Nord Africa ma anche del Medio Oriente, contro il forte potere dei dittatori e monarchie che hanno fatto il loro tempo. È facile intuire la traslazione Popolo-Donna-Aracne e chi li domina gli dei attraverso Minerva o Atena, uniche preposte a "tessere" il destino dell'umanità. Ma il risorgimento si può allargare come vogliamo...

Aracne scelse come tema della sua tessitura gli amori degli dei (1); il suo lavoro era così perfetto ed ironico verso le astuzie usate dagli dei per raggiungere i propri fini che Atena si adirò, distrusse la tela e colpì Aracne con la sua spola. Aracne, disperata, si impiccò, ma la dea la trasformò in un ragno costringendola a filare e tessere per tutta la vita dalla bocca, punita per l'arroganza dimostrata, nell'aver osato sfidare la dea.

Questa è la versione nota su Aracne e Atena ma ce n'è un'altra che si perpetua fino ai nostri giorni. La questione di Aracne si sintetizza nel "tessere come smascheramento: disfare la violenza dello stupro" .
La tela di Aracne apre il libro sesto delle Metamorfosi, la storia di Filomena lo chiude.
Per entrambe queste donne, tessere rappresenta lo smascheramento dei "misteri sacri" e il disfare la violenza dello stupro. Prima che la dea adirata Atena (Minerva) stracci la stoffa tessuta da Aracne, la tessitrice, donna mortale, racconta su di essa una storia molto particolare: quella delle donne stuprate da dei che si mutano in bestie.

In quell'occasione del mio commento su Scientificando, di cui sopra, tu, Paola rispondesti così:

Caro Gaetano,
mi hai messo un gran caos nei pensieri, per il resto sono senza parole per il tuo commento...mi ha colpito molto l' analogia sulla tessitura, la tela del ragno ed il fullerene che io allargo anche al puzzle ed al mosaico...
CHAPEAU a te ed Annarita per avermi fatto scoprire la bellezza della forma del fullerene.
Teoderica.

Vedi qui

(1) Ironia della sorte, guarda caso, da tempo non si fa che discutere, e persino la magistratura se ne occupa, degli "amori" di un potente in casa Italia.

Ciao Paola,
Gaetano

teoderica ha detto...

Piccola sognatrice, benvenuta, oltre all' arte abbiamo il sogno in comune, la mia abitudine a passare dal pensiero al sogno, mi ha causato un po' di problemi, ciò non toglie che io ami sognare ancora.
Se poi ci pensi che cosa è l' arte se non il tentativo di realizzare un sogno...spero con tutto il cuore che i tuoi sogni si realizzino, non so perchè ma sento che tu sei una vera sognatrice.
Un abbraccio.

teoderica ha detto...

Allora Cosimo,
facciamo questa magia benevola per te: abracadabra, non dipingere più e guai non farai più, tititititi.
Ecco fatto.
Io sono spicciativa.
Una domanda...ma tu il veliero ce l' hai sul serio o è solo nei sogni?
Vuoi una magia perchè si avveri, se ce l' hai già non serve.
Ciao Cosimo, il sole mi ha svegliato presto e poi se ne è andato...che fregatura.
Buona domenica.

teoderica ha detto...

Carissimo Gaetano,
ora ricordo tutto, Filomela (non Filomena) la rondine, tutto sepolto nella memoria, ma ogni tanto affiora in modo inconsapevole. Ho preparato altri post coi mesi di Schifanoia, ma credo di aver raccontato solo il mito di Aracne, per spiegare gli affreschi, perchè mi attirava, tu all' improvviso mi hai ricordato perchè mi attirava : per Filomela.
Filomela forse quando sarò pronta farò un racconto su Filomela/rondine, quanti ricordi hai scatenato in me, sto ancora disfacendo la tela o forse la tela è già disfatta ed ora piano piano la sta ricostruendo con sempre la spada di Damocle sulla testa, perchè Gaetano io non sarò granchè di bontà,ma santo cielo quanta cattiveria gratuita c'è al mondo, mi pare quasi di sentirla sulla pelle.
Ma il mio spirito futurista ed ottimista prevale ed osserva la bellezza del fullerene e di tutto ciò che l' uomo scopre di nuovo.
Ciao Gaetano e grazie per avermi aperto la finestra.
Un caldo abbraccio...hai visto la mostra di Matisse a Brescia?

**La PiCcOlA sOgNaTtIcE** ha detto...

Per mia fortuna Teodorica sono davvero una grande sognatrice. Non smetterò mai di farlo, perché io di solo sogni mi nutro. Per loro mi batto. Per realizzarli farò qualsiasi cosa. Grazie mille per essere passata da me!! Gentilissima.

cosimo ha detto...

Carissima Teo, non sai quanto spicciativo sia io!
Però credevo ad una magia da incanto. Forse questa tua è quella di esordio, ho capito, non vuoi giocarti subito le carte importantissime!
Non ho il veliero....lo aspetto gentilmente con una magia.
La magia più grande sarebbe poter abitare un faro, anche piccino. Ma non so quali possono essere i tuoi poteri magici....però ci credo!!
Qui risveglio con pioggerellina di marzo, poi sole che adesso sta tenendo alla grande.
Intanto tieniti il mio abbraccio per un bel sabato ed una ottima domenica!

teoderica ha detto...

Piccola sognatrice,
chissà perchè l' avevo intuito...ma i sogni sono belli anche se non si realizzano, però visto che tu sei giovanissima qualcuno si avvererà di sicuro, ne sono strasicura.
Ciao e passerò ancora da te.

teoderica ha detto...

...allora caro Cosimo, la mia magia non la posso scoprire, ma se tu chiudi gli occhi, ti posso aiutare, chiudili e poi pensa di salire le scale a chiocciola, lentamente, con un po' di fiatone, poi l' ultimo strappo ed eccoti dentro la campana di vetro, e laggiù il mare con il suono dolce delle onde ed il cielo scuro che si butta nel mare mentre la luna sta sospesa e ti manda un bacio...mi raccomando tieni chiusi gli occhi altrimenti svanisce tutto.
Buona domenica anche a te.

teoderica ha detto...

Caro Gaetano,
tu hai chiamato Filomela Filomena ed io ho paragonato Filomela alla rondine, sbagliandomi perchè Filomela viene trasformata in usignolo...ma io preferisco la rondine.
Ciao.

**La PiCcOlA sOgNaTtIcE** ha detto...

Eheh. I miei sogni Teodorica sono molti, ma come hai detto tu sono giovane e sicuramente avrò la possibilità di realizzarli... Almeno uno, quello più grande.

cosimo ha detto...

Ciao Teo...

Mi hai lasciato senza parole. Si proprio senza parole!
Ho chiuso gli occhi ed ho visto tutto, sono arrivato oltre il punto più lontano della luce del faro...E questo grazie a te!
Ma tu non sai che hai descritto alla perfezione un mio vissuto da ragazzino. Allora tu sei proprio una maga, oserei dire, la mia maga!
Se passi da me troverai, appena postata, una delle mie lettere, è senza omissis, porta pure giorno, mese, anno, ore e minuti. Proprio come volevi tu!
Teo sei strasimpatica!!

cosimo ha detto...

Ciao Teo,
è domenica!
Guarda il mare, ha sempre il buongiorno per ognuno di noi, arriverà da vicino o da lontano. Farà nascere sempre un sorriso!
Buona domenica!

teoderica ha detto...

...piccola sognatrice,
il segreto è avere sempre dei sogni, ricordatelo la cosa più brutta è non averne, realizzarli è secondario.
Ciao e passa una bella domenica.

teoderica ha detto...

Caro Cosimo,
prima di tutto ti ringrazio per i festosi buongiorno che mi fai, davvero li apprezzo molto,...te lo avevo detto che sono una maga, il mio nome è anche Morgana la fata delle illusioni.
Ciao e buona giornata anche a te.

cosimo ha detto...

Cara Teo, mi sento fortunato. Non è da tutti i ragionieri incontrare una signora che sia allo stesso tempo maga e fata.
Sto pensando a cosa mi sarebbe potuto accadere se tu fossi stata una strega!
Fuori c'è il sole e dentro questo sole della vigilia della primavera in un solo colpo abbraccio Te, maga e fata!

Ps- da ieri, non faccio altro che vedermi nella bellezza della tua magia. Sarà perchè sono stato un fante, seppure graduato medio?

teoderica ha detto...

...non so se un ragioniere può capire una fata perchè la fata/maga è sempre anche un po' strega e tu non lo sai, perchè vieni nel mio blog da poco, ma sono stata identificata anche con la befana...e non mi piacciono i fanti ma solo i cavalieri.
Buona settimana, le previsioni sono primaverili.

cosimo ha detto...

Comincio ad avere un dubbio a proposito di chi ti ha identificato con la befana. Ovvero, sa che esistono gli oculisti e gli ottici?
Ecco già va meglio così a proposito di marinai....è più facile passare da fante a cavaliere,. Forse un po' già lo sono.
Perché non sai che sono di origini nobiliari, così dice l'origine del mio cognome.
Grazie!
Ritornando a quanto sopra, preferisco la primavera alla befana.
Buona primavera!

teoderica ha detto...

...Cosimo, Cosimo, tu non sai che la befana in realtà è la fata Morgana od anche la dea Diana, ha subito una specie di dannata memoria e l' hanno così fatta brutta...quindi se incontri una befana attento a dire non mi piace, potrebbe essere una Morgana...non mi dire che col blog pieno di donne ancora non sai queste cose.
Fra poco mi dirai che sei un re in incognito.
Se non vuoi la befana tienti la primavera.
Ciao:)

cosimo ha detto...

Sicuramente mi tengo la primavera della fata Morgana che è pure la dea Diana e che cammina verso campi di papaveri, girasoli e rose rosse, tutti a ridosso del mare, e in un tempo che la Befana è già bella e passata.

Ps- Teo sei di una simpatia U N I C A!
Ciao:-))

teoderica ha detto...

Ciao Cosimo, mi fai ridere un sacco anche tu...e io amo ridere.

cosimo ha detto...

Ridere di cuore e di mare è il sorriso in ogni stagione!
Ciao:-)