martedì 29 marzo 2011

LA FAVOLA DEL RANOCCHIO

C’ era una volta un ranocchio, che non voleva essere un ranocchio, voleva essere un delfino.

Al ranocchio piacevano i grandi luoghi , non sopportava le pozze di acqua stagnanti, dove lui viveva.

Se ne stava sul bordo di uno stagno, su una grande foglia di ninfea a fare gra, gra, gra.

Gracidava e più gracidava, più gli altri ranocchi, gli dicevano che solo nelle favole, il ranocchio si trasformava in un principe o in un delfino.

Il ranocchio aveva un bel da fare a spiegare che tutti sono delfini o principi, che era solo una questione mentale, l’ esserlo o meno.

Nessuno lo ascoltava, anzi faceva venire agli altri ranocchi talmente tanta rabbia, che gli tiravano le pietre, i sassi ed anche grandi spruzzi di acqua gelida.

Finchè una volta il ranocchio fu ferito gravemente.

Fu così che lasciò la sua bella foglia di ninfa, cominciando a vagare per cercare un nuovo posto dove stare.

Ma non lo trovava mai.

Gli altri ranocchi, non volevano con loro un ranocchio che si credeva un delfino.

Arrivò finalmente alla riva del mare, qui il ranocchio esultò: “Ecco la mia casa”.

Si tuffò e in un attimo si sentì delfino, capì allora che i ranocchi potevano trasformarsi.

In realtà il povero ranocchio tuffandosi nel mare, non sapeva di stare lentamente soffocando nell’ acqua salata.

Il ranocchio non si era trasformato in delfino, capì però, mentre stava per morire che è sempre meglio accettarsi per quello che si è.

Svelto, svelto, uscì dal mare, sputò tutta l’ acqua salata che non lo faceva respirare ; finalmente fu contento di essere un ranocchio, anzi non avrebbe cambiato il suo essere con tutto l’ oro del mondo


immagine di Teoderica

22 commenti:

cosimo ha detto...

Carissima Paola....
appena ho letto "C’ era una volta un ranocchio, che non voleva essere un ranocchio, voleva essere un delfino.". ho cominciato a ridere, proprio a ridere!!..
Che dirti, mi hai lasciato senza parole. Tranne quelle relative all'altra possibile trasformazione. Quella che non fa affogare, quella di diventare un principe. E principe si può diventare in ogni momento!
Il ranocchio comincia da subito ad essere un principiante e poi passa ad essere un principe!
Grazie per questa storiella, è veramente unica!
Come non posso non darti anch'io un bacietto perfetto?....
Ciao Paola:-)

Stella ha detto...

Provare per credere...

pietro d. perrone ha detto...

Io penso che i sogni sbagliati si pagano. I sogni sbagliati si chiamano illusioni e quelle hanno un prezzo molto alto.
Invece ci sono i sogni giusti, quelli che spingono ognuno ad immaginarsi un futuro migliore.
Io a quei sogni credo ancora.
Forse sono uno molto fortunato, Paolè, sono uno che si riscalda ancora al calore di quei sogni.
ma cosa saremmo se non ci fosse quel sole?

Il ranocchio ha capito, alla fine la lezione! Adesso non pensa più di doversi trasformare in un essere diverso. Quelle cose le fanno i maghi o le streghe, oppure gli dei delle antiche mitologie.
Adesso il ranocchio non vuole più fuggire dal suo vero essere e se ne vive nel suo mondo grande quanto uno stagno felice e contento dello scampato pericolo.
Chissà adesso che bei sogni che farà?

teoderica ha detto...

Caro Cosimo,
la ranocchia ha talmente tanta paura di affogare che ha deciso , per sicurezza, di non venire più neanche nel tuo mare di bit, non si sa mai che si possa affogare anche lì, vedi è talmente paurosa che trema sulla sua foglia di ninfea.
Un beso.

teoderica ha detto...

...bè Stella provare ad affogare ...meglio credere subito.

teoderica ha detto...

Io penso che i sogni sbagliati si pagano. I sogni sbagliati si chiamano illusioni e quelle hanno un prezzo molto alto...ecco Piero hai fatto centro.
Cosa sognerà la ranocchia ora...ma si darà alle nove muse...ed anche un poco alla magia, perchè alla ranocchia piacciono le streghe.
Buonanotte Piero, ho saputo proprio oggi che ad un amico si è avverato un sogno, spero che se ne avveri uno anche a te.

cosimo ha detto...

...un beso Paola
voglio per te notti e giorni sereni..
allora ti auguro la buonanotte e altrettanto risveglio!

teoderica ha detto...

...se bastasse un istante ad avere notti e giorni sereni...comunque grazie e lo stesso auguro a te.

cosimo ha detto...

...basta un istante per augurarti di Cuore una bella giornata di sole, sia che tu sia rondine sia che tu sia ranocchia.
Ciao Paola!!

teoderica ha detto...

Cosimo,
buona giornata anche a te, oggi devo decidere se nelle ore libere fare un giro al mare in bicicletta o stendermi al sole per cuocermi un po',oggi sono lucertola, inoltre sto pensando di fare un corso di danza del ventre, mi è sempre piaciuta e adesso che ho saputo che è riferita alla dea madre e quindi anche a Lilith ...è la danza per me...ma tu Cosimo, col tuo veliero e le tue reti, peschi sardelle o donzelle?
Ciao.

`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`··.Giusy.·`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`· ha detto...

Ciao tesoro buongiorno...ho un premio per te vieni qui in questo blog:
http://ilsentierodeisogniincantati.blogspot.com/

un bacione.

cosimo ha detto...

Grazie Paola,
....sono uno sprovveduto pescatore di sardelle e donzelle, proprio sprovveduto. Forse perché non esco mai a pescare!
...direi meglio un giro in bicicletta e poi subito dopo, la lezione della danza del ventre. Perché entrambe fanno bene al cuore e all'apparato musco scheletrico.
Ciao!

cosimo ha detto...

...sono ancora qui per una correzione...non musco, bensì muscolo.
...poi ne approfitto per dire che non ho un veliero, solo la tradizionale barchetta dei pescatori. E' più piccola ed economica, in caso di avaria del motore la si può usare a remi. E non so che donzella se la sentirebbe di salire a bordo! infine non ha la forza di portarmi al largo e sopratutto, mi fa sentire di più a contatto con l'acqua del mare.

Zio Scriba ha detto...

Favola molto carina. Per quanto riguarda la morale, però, sono indeciso: se predica "l'accettarsi per quello che si è" sono pienamente in sintonia, se invece predica la rinuncia ai sogni e il rassegnarsi alla normalità conformista allora urlo no, e poi no e poi no... :-))
Un abbraccio a te, cara amica.

`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`··.Giusy.·`·. ̧ ̧.· ́ ́ ̄`· ha detto...

Ciao teo tutto bene?
Passo per augurarti una dolce notte.
Un abbraccio:)

teoderica ha detto...

Ciao Giusy,
ma oggi nel tempo libero sono andata al mare e solo ora sono qui per un po', ho visto del premio, ti confesso che sono curiosa, poi vengo da te...ti auguro una notte piena di sogni :))))

teoderica ha detto...

...zio scriba, la favola predica l' accettarsi per quello che si è, e questo a volte comporta a rinunciare ai sogni, tu urli no e gridi al conformismo, ma ognuno è quello che è e c'è chi non è capace di liberarsi da una gabbia d' amore, c'è chi ha paura e non vuole ferire, ci sono anche queste persone e si fanno rabbia da sole ma sanno che non sono capaci di altro.
Un abbraccio e buonanotte.

teoderica ha detto...

...Cosimo , non mi sono dimenticata di te e non mi sono dimenticata che non hai il veliero, ma ce l'hai nel mondo della fantasia, nel mondo dei bit, ce l' hai nell' immagine del profilo, lì non c'è la tua foto ma un veliero...per quanto riguarda le donzelle e le sardelle era solo per scherzare...allora siamo amici o no?
Buonanotte il cielo è stellato.

cosimo ha detto...

...vado a dare uno sguardo al cielo...aspettami!
...rieccomi, nessuna stella lassù, sicuramente saranno verso nord, ma è importante sapere che ci sono sempre!!
La mia foto c'è, ma in secondo piano.
Avevo frainteso tra veliero, sardelle e donzelle.
Adesso è tutto ok.
Paola, certo che siamo amici:-)
Buonanotte e sogni stellati.

cosimo ha detto...

..come un lampo!
buonagiornata Paola!

teoderica ha detto...

...come un lampo anch'io...buona giornata Cosimo.

cosimo ha detto...

...un altro lampo nella sera....buonaserata Paola!